F1 News

Sette piloti in scadenza di contratto in F1

Sette contratti in scadenza in F1: si profila l'addio per questi piloti

3 gennaio A 14:07
Ultimo aggiornamento 3 gennaio A 15:17
  • GPblog.com

La stagione di Formula 1 inizierà tra due mesi e le squadre si stanno preparando per un anno impegnativo. Sette piloti saranno sottoposti a un'ulteriore pressione visti i loro contratti in scadenza. Quali piloti potranno ancora essere presenti sulla griglia di partenza nel 2024?

Hamilton

Lewis Hamilton ha ancora il grande sogno di vincere il suo ottavo titolo mondiale e di prendere così il record, che per ora condivide con Michael Schumacher, nelle sue mani. Tuttavia, non sarà facile perché la Mercedes dovrà fare molta strada. Per la maggior parte del 2022 la squadra è stata molto indietro rispetto alla Ferrari e alla Red Bull Racing, il che le impone di fare passi da gigante.

Tuttavia, il britannico ha piena fiducia nella sua squadra e ha annunciato lo scorso anno di essere desideroso di prolungare il suo impegno con la Mercedes. Anche Toto Wolff sembra sia aperto a una collaborazione più lunga e la Mercedes, con i suoi precedenti, non sembra certo intenzionata ad allontanare Hamilton. Sembra quindi probabile che il sette volte campione del mondo sarà uno dei primi piloti a uscire da questa lista.

Sargeant

Logan Sargeant sta entrando nella sua prima stagione alla Williams. Il talento americano non sembra poter fare molto peggio di Nicholas Latifi, che nelle ultime stagioni non ha praticamente portato punti alla sua squadra. Allo stesso tempo, la Williams non è ancora riuscita a dimostrare il proprio valore in Formula 1 e si prospetta un altro anno difficile.

Il pilota avrà l'opportunità di svilupparsi nel corso del campionato, ma dovrà convincere la scuderia britannica di essere la persona giusta per il futuro. In effetti, con piloti del calibro di Daniel Ricciardo, che sarà il pilota di riserva della Red Bull il prossimo anno, e Mick Schumacher, che ricopre lo stesso ruolo alla Mercedes, in attesa di un posto la Williams ha l'imbarazzo della scelta.

De Vries

Nyck de Vries è la speranza della AlphaTauri per il prossimo anno. L'olandese ha dovuto aspettare anni per avere la sua occasione in Formula 1, ma nel frattempo è riuscito a vincere sia il campionato di Formula E che quello di Formula 2. Di conseguenza, ha già dimostrato ampiamente di essere pronto per il prossimo passo della sua carriera. Tuttavia, resta da vedere se riuscirà a gestire la pressione della prossima stagione.

Al momento, sembra avere il carattere ideale per fare il passo successivo con la AlphaTauri, ma dovrà dimostrarlo subito nel 2023. Dopo tutto, il suo nuovo datore di lavoro gli ha fatto un contratto di una sola stagione, quindi dovrà essere subito sul pezzo. Allo stesso tempo, la AlphaTauri ha dimostrato negli ultimi anni che non è solita essere impaziente con i propri piloti e quindi si prevede che a De Vries venga dato il tempo di svilupparsi anche il prossimo anno.

Tsunoda

La AlphaTauri non guarderà solo alle prestazioni di De Vries, perché anche Yuki Tsunuda ha ancora un contratto per una sola stagione. Tuttavia, il giapponese è più sotto pressione del suo nuovo compagno di squadra. Non è riuscito a dimostrare appieno il suo valore nelle ultime due stagioni e quindi ha la concreta possibilità di essere al suo ultimo anno con la sua attuale squadra.

Se da un lato le sue prestazioni sono state inferiori a quelle di Pierre Gasly, dall'altro Tsunoda si è reso protagonista di alcune strane azioni in pista nel 2023. La sua squadra si è espressa più volte lo scorso anno, inviando un chiaro segnale al pilota giapponese. Se anche quest'anno non dovesse essere all'altezza delle aspettative, probabilmente dovrà cercare un'altra sfida.

Magnussen

L'anno scorso, Kevin Magnussen ha avuto l'opportunità di tornare in Formula 1 poco prima dell'inizio della stagione. Questo perché la Haas F1 ha salutato precipitosamente Nikita Mazepin, che ha dovuto abbandonare la F1 a causa dell'invasione russa dell'Ucraina. Ciò significa che Magnussen ha avuto a malapena il tempo di prepararsi per iniziare la stagione, ma con il suo quinto posto in Bahrain ha dato subito il via alle danze.

Per il momento, quindi, sembra che la scuderia americana possa prolungare il suo contratto. Tuttavia, con il suo nuovo compagno di squadra Nico Hulkenberg, che prenderà il posto di Schumacher, ha un pilota con qualità da compagno di squadra. Nel 2023, quindi, la situazione sarà questa. Se riuscirà a raggiungere gli stessi risultati nella prossima stagione, un nuovo accordo con la Haas sarà una questione di tempo.

Hulkenberg

Per Hulkenberg, l'opportunità di assicurarsi un posto fisso in Formula 1 si è presentata all'improvviso alla fine dello scorso anno. Il tedesco ha deciso di rispondere all'interesse e di parlare con la Haas delle possibilità del team. I colloqui lo hanno entusiasmato a tal punto da convincerlo che la squadra potrà fare grandi passi avanti in Formula 1 nei prossimi anni e allontanarsi dalle posizioni di fondo classifica.

Tuttavia, anche lui dovrà dare il meglio di sé, perché con un contratto di un solo anno, difficilmente avrà il tempo di abituarsi alle nuove vetture di Formula 1. Non per niente, quindi, Hulkenberg è già impegnato dietro le quinte nella preparazione della nuova stagione. Infatti, se riuscirà a mettersi in mostra in modo positivo in questa stagione, il 35enne Hulkenberg potrebbe rimanere in circolazione ancora per qualche anno nel mondo dell'automobilismo.

Zhou

Per Zhou vale un po' lo stesso discorso fatto per Tsunoda, con la grande differenza che il cinese ha disputato una sola stagione in Formula 1. Il talento cinese ha esordito con un decimo posto in Bahrain, ma poi ha dovuto attendere fino a metà giugno per ottenere un altro piazzamento nella top ten. Alla fine dell'anno ha ottenuto sei punti, 43 in meno del compagno di squadra Valtteri Bottas.

Nei prossimi 12 mesi, la Alfa Romeo avrà l'opportunità di esaminare la sua partnership con Zhou. Infatti, la formazione vuole progredire nel prossimo futuro e ha bisogno di piloti che possano sostenere le sue ambizioni. Per Zhou, quindi, si prospetta un compito chiaro: ottenere il massimo dalla sua auto, poiché il primo cinese in Formula 1 rischierà di essere abbandonato dall'Alfa Romeo.