driver

Charles Leclerc


2

308 PTS


nationality
Monaco
place
Monte Carlo
date
16-10-1997
debut
2018

Charles Leclerc

Sebbene la Ferrari sia nota per privilegiare l'esperienza rispetto al talento, questa tendenza si è conclusa nel 2018. Charles Leclerc ha impressionato con il suo debutto in Ferrari nel 2019 e ha firmato fino alla stagione di 2024 Formula 1. A 24 anni, il giovane monegasco è l'uomo del futuro della Ferrari.

Classifica di F1

Pos.NameTeamPoints
1VERMax VerstappenRed Bull Racing454
2LECCharles LeclercFerrari308
3PERSergio PerezRed Bull Racing305
4RUSGeorge RussellMercedes AMG F1 team275
5SAICarlos SainzFerrari246
6HAMLewis HamiltonMercedes AMG F1 team240
7NORLando NorrisMcLaren122
8OCOEsteban OconAlpine F1 team92
9ALOFernando AlonsoAlpine F1 team81
10BOTValtteri BottasAlfa Romeo F1 team49
11RICDaniel RicciardoMcLaren37
12VETSebastian VettelAston Martin F1 team37
13MAGKevin MagnussenHaas F125
14GASPierre GaslyScuderia AlphaTauri23
15STRLance StrollAston Martin F1 team18
16SCHMick SchumacherHaas F112
17TSUYuki TsunodaScuderia AlphaTauri12
18ZHOGuanyu ZhouAlfa Romeo F1 team6
19ALBAlexander AlbonWilliams4
20LATNicholas LatifiWilliams2
21DEVNyck de VriesWilliams2
22HULNico HulkenbergAston Martin F1 team0

 

Medaglia d’oro alla Ferrari

Senza far parte di nessuno dei programmi junior della Formula Uno, Charles Leclerc è già riuscito a collezionare un bel po' di successi. Nel 2015, il giovane monegasco è apparso per la prima volta sui radar dopo essersi classificato quarto nella sua stagione di debutto in Formula 3 (con il Van Amersfoort Racing). La gara di Macao è valsa a Leclerc il secondo posto, dopo il quale è stato ammesso alla Ferrari Driver Academy.

Seguono gli incarichi di collaudatore alla Ferrari e alla Haas, oltre a gareggiare nella serie GP3. Nel 2016 Leclerc ha avuto il suo bel da fare, ma ha brillato ancora una volta. Al fianco di Nyck de Vries (e Alexander Albon) nei Gran Premi ART, il monegasco è riuscito a ottenere i risultati di gran lunga migliori e si è laureato campione.

Albon è arrivato secondo, De Vries sesto. L'intera formazione ART (ad eccezione del pilota giapponese Nirei Fukuzumi) è passata alla Formula 2, dove Charles Leclerc ha ancora una volta impressionato.

Dalla Formula 2 in poi

Per la stagione 2017 di Formula 2, Leclerc ha affiancato il collega Antonio Fuoco, membro della Ferrari Driver Academy, alla Prema. Nonostante un inizio estremamente difficile (e la mancata conquista di punti nella gara di casa a Monaco), Leclerc è riuscito a ribaltare la situazione e ad assicurarsi il titolo. 

Appena una settimana prima del suo 20° compleanno, Leclerc ha vinto il campionato di Formula 2, diventando il più giovane vincitore di sempre di quella classe. Alla fine dello stesso anno, fu annunciato che la serie di risultati eccezionali gli sarebbe valsa un posto alla Sauber, allora appena ribattezzata Alfa Romeo.

La svolta con Sauber

Con Frederic Vasseur al timone, la Sauber era in procinto di attuare importanti cambiamenti. Uno di questi è l'utilizzo del nome Alfa Romeo, un altro è la collaborazione con la Ferrari. A Leclerc sono bastate tre gare per abituarsi alla Formula 1, dopodiché il monegasco ha iniziato subito a raccogliere punti. Il suo più esperto compagno di squadra Marcus Ericsson ha faticato ad eguagliare i risultati, il che ha reso la performance di Leclerc addirittura superiore.

Ancora una volta, la gara di casa del giovane monegasco si è rivelata maledetta: i freni della Sauber hanno ceduto e Leclerc si è schiantato contro la vettura di Brendon Hartley. Nel corso della stagione Charles è riuscito a raccogliere 39 punti (con la P6 a Baku come miglior risultato) e ha concluso il campionato al tredicesimo posto. Un risultato più che sufficiente perché la Ferrari abbia un buon feeling con il passaggio al team Works dal 2019.

Nel 2019, la scelta di Leclerc si è rivelata giustificata. Il monegasco è stato veloce in qualifica ed è riuscito a stupire anche in diverse gare. Non è stato il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel a conquistare la prima pole o vittoria della squadra, ma il nuovo arrivato da Monaco. Infatti, dopo la pole e la vittoria in Belgio, Leclerc è riuscito a stabilire una serie di quattro pole consecutive.

Non è stata quindi una sorpresa che la Ferrari abbia annunciato a fine stagione il prolungamento del contratto del giovane monegasco. Gli è stato offerto un contratto di cinque anni e quindi il piano futuro della Ferrari sembra chiaro. Leclerc deve farcela, ma prima deve fare il passo successivo. 

Charles Leclerc nel 2021

Il 2020 è stato un anno drammatico, in quanto il passo successivo è diventato un passo indietro. Le prestazioni della Ferrari nel 2020 sono state nettamente inferiori e quindi la scuderia italiana ha dovuto inseguire. Leclerc ha ottenuto un podio in Austria, ma niente di più. 

L'obiettivo per il 2021 era quello di ottenere altri podi, ma non ha funzionato. Leclerc ha avuto diversi guasti e sfortuna. Anche per questo motivo, ha dovuto accontentarsi di un solo podio, mentre il suo nuovo compagno di squadra Carlos Sainz lo ha preceduto nel campionato con quattro podi.

Charles Leclerc nel 2022

Tuttavia, l'obiettivo della Ferrari era soprattutto quello di creare una buona base per le modifiche alle regole e le nuove vetture per la stagione di Formula 1 2022. Nel 2021 era chiaro che la squadra aveva fatto progressi e la Ferrari vuole continuare su questa linea nei prossimi anni. Se la scuderia italiana sarà in grado di produrre nuovamente una vettura competitiva, il 2022 promette un duello entusiasmante tra Charles Leclerc e il suo compagno di squadra Carlos Sainz.