tag-background-image

driver

Lewis Hamilton


9

10 PTS

nationality
England
place
Stevenage
date
07-01-1985
debut
2007

Lewis Hamilton

La classica strada che porta alla Formula 1, fatta di karting, Formula Renault, Formula 3 e Formula 2, è stata percorsa anche dal sette volte campione del mondo Lewis Hamilton. Il britannico si è presentato alla partenza del suo primo Gran Premio nel 2007 e ha scosso la Formula 1 fin da subito.

Classifica di F1

Pos.NameTeamPoints
1Max VerstappenRed Bull Racing77
2Sergio PerezRed Bull Racing64
3Charles LeclercFerrari59
4Carlos SainzFerrari55
5Lando NorrisMcLaren37
6Oscar PiastriMcLaren32
7George RussellMercedes AMG F1 team24
8Fernando AlonsoAston Martin F1 team24
9Lewis HamiltonMercedes AMG F1 team10
10Lance StrollAston Martin F1 team9
11Yuki TsunodaVisa Cash App RB7
12Oliver BearmanHaas F16
13Nico HulkenbergHaas F13
14Kevin MagnussenHaas F11
15Alexander AlbonWilliams0
16Guanyu ZhouStake F1 Team0
17Daniel RicciardoVisa Cash App RB0
18Esteban OconAlpine F1 team0
19Pierre GaslyAlpine F1 team0
20Valtteri BottasStake F1 Team0
21Logan SargeantWilliams0

Un inizio senza precedenti

Oggi 39enne, il pilota di Stevenage ha collezionato successi fin dal primo momento in cui è salito su un'auto da corsa. Le vittorie nella Formula 3 europea e il titolo subito con la ART nella sua prima stagione di GP2 gli hanno permesso di qualificarsi immediatamente per un posto in F1 con la McLaren.

Nella sua stagione di debutto in F1, Hamilton è arrivato a un passo dallo strappare il titolo dalle mani di Kimi Raikkonen e della Ferrari.

Un anno dopo ci è riuscito e da quel momento il britannico è diventato il più giovane campione del mondo di sempre. Un record che sarebbe durato solo pochi anni, fino a quando Sebastian Vettel ha iniziato la sua striscia di successi con la Red Bull Racing.

La flessione

A un punto dal titolo nel 2007, la vittoria nel 2008: Hamilton ci ha preso gusto, ma quello che è seguito è stato un anno frustrante in Formula 1 per lui. La McLaren non è riuscita a sfruttare il forte sviluppo della MP4-23 e non è riuscita a produrre risultati decenti. Hamilton non è mai andato oltre la quinta posizione nel 2009, ma il cambiamento era in arrivo.

Nel 2010, l'ormai esperto Jenson Button è arrivato ad affiancare Hamilton. L'altro eroe britannico aveva vinto il titolo l'anno precedente con la Brawn GP, poi acquistata dalla Mercedes. Quello sviluppo ha causato il ritorno di Michael Schumacher in F1, ma anche la partenza di Button verso la McLaren.

La McLaren ha ritrovato la velocità, ma per i quattro anni successivi la Formula 1 è stata dominata dalla Red Bull Racing. Hamilton non poteva farci molto e ha deciso di correre un rischio enorme: il britannico sarebbe passato alla Mercedes dopo il 2012. Una squadra che, all'epoca, aveva prestazioni tutt'altro che ottime. A differenza del suo ex rivale (e compagno di squadra) Fernando Alonso, Hamilton avrebbe dimostrato di aver fatto la scelta giusta.

Sulla strada verso il dominio

Alla Mercedes, lo sviluppo della vettura è veloce quanto la vettura stessa. Nella sua prima stagione con la scuderia tedesca, Hamilton è riuscito a conquistare diversi podi e una vittoria. Dopo la vittoria del Gran Premio d'Ungheria ha avuto inizio un lungo periodo dominante con la Mercedes.

Nel 2014 e nel 2015, Hamilton ha battuto il suo compagno di squadra Nico Rosberg per vincere i titoli numero due e tre, mettendosi alla pari con il leggendario Ayrton Senna. Chiaramente, i rapporti all'interno della squadra non sono andati migliorando e hanno raggiunto il punto di rottura nel 2016. Nello stesso anno, Nico Rosberg ha finalmente vinto il campionato e non ha perso tempo: ha subito annunciato il suo addio alla Formula 1.

Una decisione inaspettata, anche per la Mercedes, che ha comportato una ricerca affrettata di un sostituto. Hanno scelto infine il pilota della Williams Valtteri Bottas. Dal 2017, il finlandese si è seduto al fianco di Hamilton, anche se come ovvio secondo incomodo.

Nei primi quattro anni in cui Bottas ha guidato la seconda Mercedes, Hamilton ha vinto il titolo in modo abbastanza convincente ed è diventato anche il pilota statisticamente più vincente di sempre. Solo nel 2017 e nel 2018 c'è stata la concorrenza di Sebastian Vettel e della Ferrari, ma in entrambe le occasioni Hamilton ha ribaltato senza pietà il deficit iniziale nella seconda parte della stagione.

Nella sua rincorsa ai record, il 2020 è stato un anno importante per Hamilton. Ha battuto il record di vittorie di Michael Schumacher e ha eguagliato il tedesco per numero di titoli mondiali vinti. Tuttavia, deve ancora vincere un altro campionato per essere incoronato pilota di Formula 1 di maggior successo di tutti i tempi.

La sconfitta del 2021

Il 2021 sembrava un'ottima occasione per farlo. I regolamenti erano rimasti pressoché invariati, rendendo la Mercedes nuovamente la grande favorita all’inizio della stagione. Oltre al suo compagno di squadra, solo Max Verstappen e la Red Bull Racing sembravano poter costituire una seria minaccia. 

Hamilton e Verstappen hanno combattuto per tutta la stagione, arrivando ad Abu Dhabi a pari punti. A quel punto, sembrava che il pilota della Mercedes avrebbe vinto con buona probabilità il suo ottavo titolo mondiale. Tuttavia la Red Bull ha messo in campo una strategia perfetta, e una safety car nelle battute finali ha dato la possibilità a Verstappen di superare Hamilton e infrangere il suo sogno dell’ottavo titolo.

Due anni difficili

Nel 2022 Hamilton sperava di potersi vendicare immediatamente del torto subito, ma la Mercedes si è scontrata contro i nuovi regolamenti e contro il fenomeno del porpoising. Dopo una partenza disastrosa Hamilton e il suo compagno Russell hanno recuperato la retta via, dimostrandosi competitivi da dopo l’estate. Questo non è però bastato al sette volte campione del mondo: per la prima volta non ha colto nemmeno una vittoria in stagione.

L’anno successivo, l’incubo si è ripetuto. Al volante di un’auto che nuovamente non ha incontrato i suoi favori, Lewis Hamilton non ha colto nemmeno una vittoria in campionato, cogliendo al massimo sei piazzamenti a podio nel corso della stagione. Il terzo posto ha comunque testimoniato che Hamilton è ancora un pilota affidabile, veloce e costante, ma la mancanza di una macchina adeguata ha fatto salire la frustrazione alle stelle per l’inglese, rimasto lontano dal tanto agognato ottavo titolo.

Lewis Hamilton nel 2024

Dopo due anni difficili come il 2022 e il 2023, Hamilton avrà un’enorme voglia di rivalsa. Sembra che la Mercedes abbia preso una direzione diversa dal passato con lo sviluppo dell’auto e i fan sperano che la vettura che il pilota inglese guiderà sia alla sua altezza. Non è un segreto: Lewis Hamilton sogna il titolo che gli consegnerebbe il record. Sembra un'impresa impossibile, ma a 39 anni Hamilton non ha alcuna voglia di mollare la presa.