General

Gare sprint di F1: Chi è il migliore, il più perdente e il più costante.

Gare sprint di F1: Chi è il migliore, il più perdente e il più costante.

11-11-2022 12:32 Ultimo aggiornamento: 12:42
0 Commenti

GPblog.com

Con l'ultima gara sprint dell'anno in arrivo questo fine settimana e altre sei gare sprint in arrivo solo nel 2023, qui a GPBlog abbiamo dato un'occhiata a chi ha vinto e perso di più e a chi è stato più costante nelle prime cinque gare sprint.

Vincitori

Lewis Hamilton ha guadagnato il maggior numero di posizioni in tutte le gare sprint con un guadagno totale di 11 posizioni. Anche se questo risultato è dovuto in gran parte alla gara sprint del Brasile, dove il britannico ha guadagnato da solo 15 posizioni, la più grande prestazione individuale in una gara sprint finora. Senza questa prestazione, il sette volte campione del mondo avrebbe un netto -4 e ha perso posizioni in 3 delle 5 gare sprint.

Al secondo posto dopo Hamilton c'è un sorprendente Lance Stroll, che ha guadagnato otto posizioni in totale nelle cinque gare sprint, ma soprattutto non è mai uscito da una gara sprint perdendo una posizione; l'unico altro pilota a riuscire in questa impresa è Valterri Bottas, ma il finlandese ha guadagnato solo quattro posizioni in totale.

In tutte le gare sprint finora disputate, il campione del mondo Max Verstappen ha avuto l'opportunità di migliorare la sua posizione di partenza solo tre volte, e di queste tre volte ha migliorato la sua posizione di partenza due volte, passando dalla seconda alla prima a Silverstone nel 2021, poi dalla terza alla seconda a Monza nello stesso anno. Quindi, anche se il suo miglioramento netto di +1 non è così impressionante in apparenza, dimostra la sua costanza.

Perdenti

Ci sono solo due piloti che hanno subito una perdita netta di posizioni sia nel 2021 che nel 2022: Pierre Gasly e Mick Schumacher.

Gasly è di gran lunga il peggiore, con 23 posizioni perse nelle 5 gare sprint, mentre il secondo in classifica è Fernando Alonso con -13. Tuttavia, lo spagnolo ha concluso il 2021 con tre posizioni nette guadagnate nelle gare sprint, ma ne ha perse 16 nel 2022, il che la dice lunga sulla sua fortuna in questa stagione.

Nel frattempo Gasly è stato scarso in entrambe le stagioni, non è mai riuscito a guadagnare una posizione in nessuna gara sprint e ha mantenuto la sua posizione solo due volte in tutte e cinque le gare, quindi è simile a Hamilton che ha perso posizioni in tre gare su cinque. Non ha una performance eccezionale in Brasile per controbilanciare la situazione e ha anche perso molte più posizioni.

Coerenti

Zhou Guanyu e Nicholas Latifi sono gli unici due piloti con un record neutro negli sprint. Zhou, ovviamente, ha partecipato solo agli Sprint del 2022, dove ha perso 6 posizioni a Imola ma ne ha guadagnate 6 in Austria. Mentre Latifi ha guadagnato due posizioni nel 2021, ma ha poi perso due posizioni nel 2022, dove è partito in P18 e ha concluso in P19 in entrambi i casi.

Lando Norris, Carlos Sainz, Esteban Ocon, Daniel Ricciardo, Antonio Giovinazzi, Nikita Mazepin, Charles Leclerc, Zhou e Kimi Raikkonen hanno perso posizioni in una sola gara sprint.

Sergio Perez ha avuto due anni opposti: ha perso 15 posizioni nette nel 2021, ma ne ha guadagnate 12 nel 2022. Questo fa sì che Perez sia anche il pilota che ha guadagnato di più nel 2022, seguito da Sainz (+6) e da Stroll e Ricciardo, che hanno guadagnato entrambi un totale netto di 4 posizioni.

Lettore video

Altri video