F1 News

Perché il nome di Hulkenberg viene sempre fuori durante la Silly Season?

Perché il nome di Hulkenberg viene sempre fuori durante la "Silly Season"?

10-11-2022 12:38 Ultimo aggiornamento: 14:36
0 Commenti

GPblog.com

Nico Hulkenberg sembra avere buone possibilità di tornare in Formula 1 con la Haas. Sebbene il tedesco sia un nome familiare alla maggior parte dei fan, GPblog si immerge ancora una volta nel suo passato per capire perché le persone nutrono così tante speranze nei suoi confronti.

Hulkenberg viene citato

Non a caso, il nome di Hulkenberg compare sempre nella Silly Season. Hulkenberg è stato senza dubbio uno dei più grandi talenti della sua generazione, ma in qualche modo non è riuscito a mantenere le aspettative in Formula 1. In effetti, i presagi erano ottimi.

Nel karting, Hulkenberg ha vinto diversi campionati tedeschi prima di passare alle auto da corsa. Nel 2005 ha fatto il suo debutto nella Formula BMW ADAC. All'età di 18 anni, Hulkenberg riuscì a vincere subito il competitivo campionato tedesco. Hulk vinse otto gare e batté Sebastien Buemi nella lotta per il titolo.

Hulkenberg si è messo in luce e, dopo un anno sabbatico nel 2006, ha brillato nei Gran Premi di A1 nel 2006-2007. Per conto del Team Germany, vinse nove gare in quel campionato e si aggiudicò nuovamente il titolo. Questo gli è valso il passaggio alla Formula 3 Euro Series, dove si è classificato terzo nella sua prima stagione.

L'occasione alla Williams

Quell'anno ebbe la più grande occasione alla Williams. Il suo manager Willi Weber organizzò un test presso il team di F1 a Jerez. Durante quel test, Hulkenberg fu più veloce di Kazuki Nakajima, il pilota regolare della squadra. La prestazione ha attirato l'attenzione del team di Frank Williams e Hulkenberg ha ottenuto un contratto come collaudatore per il 2008.

Nel 2008 si dimostra all'altezza del suo status di talento vincendo la Formula 3 Euro Series, dopodiché deve ancora aspettare per passare alla F1. La Williams non osa e così Hulkenberg passa alla GP2. Nella classe oggi nota come Formula 2, il tedesco vince il titolo nella sua prima stagione.

Quel titolo alla fine si rivela sufficiente per la fiducia della Williams e nel 2010 ottiene il sedile accanto a Rubens Barrichello. L'esperto brasiliano arriva dalla BrawnGP. Hulkenberg fatica a confrontarsi con l'esperto compagno di squadra ma dimostra il suo talento in Brasile. Lì umilia la concorrenza guidando un secondo più veloce di chiunque altro nelle qualifiche sotto la pioggia. In gara, però, la pista era asciutta e lui è sceso all'ottavo posto.

Questa prestazione unica non si rivela sufficiente per mantenere il suo posto in F1. La Williams ha bisogno di più soldi e opta per Pastor Maldonado nel 2011. Hulkenberg ottiene una chance alla Force India come pilota di riserva, dietro ad Adrian Sutil e Paul di Resta. Dopo alcune sessioni di prove libere, il team rimane impressionato dal tedesco e passa a Hulkenberg da Sutil nel 2012.

Fattore di costanza in F1

Negli anni successivi, Hulkenberg dimostra di essere un pilota costante. Nel 2012 ha battuto Di Resta nella sua prima stagione e anche il passaggio senza successo alla Sauber dimostra le sue capacità. Quando torna alla Force India nel 2014, viene affiancato da un altro talento: Sergio Perez. Insieme hanno guidato per tre stagioni per la squadra di Vijay Mallya.

Nel 2017, Hulkenberg ha la possibilità di passare a una squadra ufficiale. Renault torna in F1 per un anno come factory team e vuole Hulkenberg come nuova figura di riferimento. Per mano di Hulk, la squadra sale dalla nona posizione prima del suo arrivo nel 2016 alla quarta nel 2018.

Il 2019 segna una svolta nella carriera di Hulkenberg. Il tedesco, che fino a quel momento è riuscito a battere quasi tutti gli avversari, si ritrova accanto un pilota, Daniel Ricciardo, che sembra avere più talento. Quando Ricciardo fa segnare un tempo sul giro più veloce, Hulkenberg sembra perplesso alla radio del team: "Come fa?". Questo significa la fine di Hulkenberg alla Renault, dove viene preferito il francese Esteban Ocon.

Sebbene un anno in meno non significhi necessariamente la fine di una carriera in F1, nel 2019 si guarderà più spesso alla carriera del tedesco. Sebbene abbia militato solo in squadre intermedie in F1, gli è stato rimproverato di non essere mai salito sul podio. Le occasioni ci sono state, ma mentre i compagni di squadra come Perez sono riusciti a raggiungere il picco al momento giusto, per Hulkenberg le cose sono andate spesso storte in quei momenti.

Il Gran Premio del Brasile del 2012 e il Gran Premio di Germania del 2019, ad esempio, sono stati citati come grandi occasioni in cui Hulkenberg stesso ha fallito. Tuttavia, resta il fatto che il pilota è in grado di offrire prestazioni molto costanti nell'arco di un'intera stagione e sarebbe una risorsa per molte squadre.

Hulkenberg ha dimostrato anche di essere un vincente. Nelle classi giovanili ha vinto la Formula BMW ADAC, la Formula 3 Euro Series e il campionato GP2: titoli che molti talenti sognano. In mezzo ha anche vinto la 24 Ore di Le Mans nel 2015. È chiaro quindi che Hulkenberg può vincere, ma non in F1.

Riserva in Racing Point/Aston Martin

Alla fine del 2019, nessuna squadra crede che l'apice della carriera possa essere raggiunto di nuovo in F1, quindi Hulkenberg deve accontentarsi di un ruolo di riserva alla Racing Point. Fa il suo: alla sua seconda gara per la squadra come sostituto di Perez, Hulkenberg batte Lance Stroll nelle qualifiche del secondo Gran Premio a Silverstone dello stesso anno. In gara si classifica settimo e va a punti. Anche al Gran Premio dell'Eifel dello stesso anno ottiene punti con un ottavo posto quando sostituisce Stroll.

Le prestazioni di Hulkenberg lo hanno messo in luce mentre la Red Bull Racing cercava un compagno di squadra per Max Verstappen. Pierre Gasly e Alexander Albon sono stati ritenuti troppo morbidi e la Red Bull è alla ricerca di maggiore esperienza. Tuttavia, dopo la sua vittoria a Sakhir, Perez è stato preferito e Hulkenberg deve accontentarsi di un ruolo di riserva.

Nel 2021, Hulkenberg non sarà in azione, ma rimarrà coinvolto nella F1 come riserva per la squadra nota ora come Aston Martin. Nel 2022, disputa due gare, quando Sebastian Vettel viene infettato dal Covid. Questa volta la sua incursione non produce punti, ma il fatto che abbia battuto Stroll senza preparazione nelle qualifiche del Gran Premio del Bahrain dimostra ancora una volta le qualità del tedesco.

Per il posto alla Haas, la scelta sembra essere tra Schumacher e Hulkenberg per il 2023. Visto il curriculum di Hulk, si può capire perché sia in lizza. Il team americano ha bisogno di costanza per ottenere punti e finire più in alto in classifica. La costanza che Hulkenberg può certamente offrire, anche se c'è da chiedersi se abbia ancora lo stesso ritmo dopo tre anni senza un posto fisso in questo sport.

Lettore video

Altri video