driver

Sebastian Vettel


12

37 PTS


nationality
Germany
place
Heppenheim
date
03-07-1987
debut
2007

Sebastian Vettel

Con quattro titoli iridati, il 34enne Sebastian Vettel è stato per diverso tempo il pilota di Formula 1 di maggior successo dei giorni nostri. Tuttavia, ha vinto tutti questi titoli mondiali durante il suo periodo con la Red Bull Racing e da allora è stato superato da Lewis Hamilton. Vettel non è riuscito a concludere in bellezza il suo periodo alla Ferrari nel 2020 e ha optato per una nuova avventura alla Aston Martin nel 2021.

Classifica di F1

Pos.NameTeamPoints
1VERMax VerstappenRed Bull Racing454
2LECCharles LeclercFerrari308
3PERSergio PerezRed Bull Racing305
4RUSGeorge RussellMercedes AMG F1 team275
5SAICarlos SainzFerrari246
6HAMLewis HamiltonMercedes AMG F1 team240
7NORLando NorrisMcLaren122
8OCOEsteban OconAlpine F1 team92
9ALOFernando AlonsoAlpine F1 team81
10BOTValtteri BottasAlfa Romeo F1 team49
11RICDaniel RicciardoMcLaren37
12VETSebastian VettelAston Martin F1 team37
13MAGKevin MagnussenHaas F125
14GASPierre GaslyScuderia AlphaTauri23
15STRLance StrollAston Martin F1 team18
16SCHMick SchumacherHaas F112
17TSUYuki TsunodaScuderia AlphaTauri12
18ZHOGuanyu ZhouAlfa Romeo F1 team6
19ALBAlexander AlbonWilliams4
20LATNicholas LatifiWilliams2
21DEVNyck de VriesWilliams2
22HULNico HulkenbergAston Martin F1 team0

 

Grandi passi verso la Formula 1

In giovane età, Sebastian Vettel è apparso sul radar della Red Bull. All'epoca il programma junior della scuderia austriaca non portava ancora alla Formula 1, ma significava un percorso più facile verso il vertice. Nel 2001, Vettel è stato ammesso al programma e ha rapidamente imboccato la strada verso la classe regina.

Vettel non è rimasto a lungo nelle classi inferiori: nel 2006 il tedesco ha avuto la possibilità di lavorare come collaudatore per la BMW Sauber. All'epoca, è stato il più giovane pilota di sempre a completare un giro in un weekend di gara, nella seconda sessione di prove libere prima del Gran Premio di Turchia. Non solo Vettel ha fatto segnare il tempo più veloce della sessione, ma ha anche ricevuto la sua prima multa per eccesso di velocità nella corsia dei box. 

Il debutto in un Gran Premio è arrivato inaspettatamente dopo che Robert Kubica è stato coinvolto in un grave incidente in Canada. Vettel ha preso posto sulla BMW durante il weekend di gara a Indianapolis e ha anche raccolto punti. Un altro record stabilito da Vettel: essere il più giovane pilota di sempre a ottenere punti in un Gran Premio. Questo record, così come quello del più giovane partecipante a un weekend di gara, è stato tolto a Seb anni dopo da Max Verstappen.

Si vola in Toro Rosso

Ancora sotto contratto come junior Red Bull, Vettel nel 2007 è passato alla Toro Rosso, la squadra satellite della Red Bull Racing. La STR2 non era certo la migliore vettura sulla griglia, ma Sebastian Vettel è riuscito comunque a stupire. In Cina, il tedesco ha ottenuto il suo unico piazzamento a punti con la Toro Rosso in quella stagione, ma è stato un risultato eccellente: la quarta posizione. Un anno dopo, Vettel avrebbe continuato su questa strada, ottenendo 35 punti nel corso della stagione.

In Italia, tutti sono rimasti stupiti quando Vettel ha conquistato la pole position sul bagnato a Monza e ha conquistato la vittoria il giorno successivo. Il record di più giovane pole-sitter è ancora detenuto da Vettel. Neanche Verstappen è riuscito a sottrarglielo.

L'era Red Bull Racing

La serie di ottimi risultati dell’allievo Red Bull non era passata inosservata, tanto da indurre Helmut Marko a trasferire il suo giovane pupillo nella squadra principale: David Coulthard si era ritirato, così Vettel ha potuto dimostrare il proprio valore su una vettura di livello. Nel 2009 la Brawn GP era troppo forte per la Red Bull Racing, ma un anno dopo Vettel avrebbe dato il meglio di sè. 

Per quattro anni di fila Vettel ha vinto il campionato e per quattro volte la Red Bull ha conquistato il titolo costruttori. Nella sua ultima stagione con la Red Bull Racing, il tedesco ha collezionato nove vittorie nei GP ed è salito sul podio per tredici volte. 

L'introduzione dei motori ibridi in F1 nel 2014 è stata accompagnata da una grave battuta d'arresto per la Red Bull Racing. Il team non era più la prima forza del campionato e il testimone è stato raccolto dal team Mercedes. Dopo una stagione senza vittorie per Vettel e Daniel Ricciardo, la Red Bull ha annunciato l’addio del tedesco alla fine del 2014. 

Si aspetta in Ferrari

Nel 2015, Vettel sostituisce nella scuderia di Maranello il partente Fernando Alonso, che ha fatto la scelta sbagliata per l'ennesima volta nella sua carriera e ha vissuto alcuni anni disastrosi alla McLaren. Insieme a Kimi Raikkonen, Vettel ha iniziato con il piede giusto la sua prima stagione in Ferrari. 

Le tre vittorie e la serie di podi non sono stati sufficienti per superare la Mercedes. Sebastian si è dovuto accontentare del terzo posto in classifica e un anno dopo le cose non sono andate molto meglio. Nel 2016 non ha vinto nemmeno una gara.

Il quattro volte campione del mondo è potuto tornare a sorridere nel 2017, quando la Ferrari SF70H sembrava in grado di competere con la Mercedes. La scuderia italiana è uscita in testa dai blocchi di partenza, ma nel corso della stagione ha rallentato. Lo stesso è accaduto nel 2018, quando il tedesco ha in parte buttato via il campionato schiantandosi dietro la safety car nella sua gara di casa.

Dopo il 2018, la Ferrari non puntava più tutto sul quattro volte campione. È arrivato il giovane talento Leclerc e il suo arrivo si è rivelato un successo. Leclerc ha conquistato più vittorie e pole position per la squadra e ha ottenuto più punti nel corso dell'anno rispetto al suo più esperto compagno. Per finire, Leclerc ha ottenuto dalla Ferrari un contratto fino al 2024.

Prima dell'inizio del 2020 Mattia Binotto, team principal della Ferrari, aveva già annunciato che Vettel non avrebbe più corso per la squadra nel 2021, venendo sostituito da Carlos Sainz. È stata una conclusione dolorosa dei suoi sei anni con la Scuderia e la sofferenza è peggiorata nel corso della stagione, facendo fatica a racimolare dei punti.

Un nuovo inizio in Aston Martin

Poiché il mercato dei piloti degli altri top team era praticamente immobile, Vettel ha deciso di unirsi a un nuovo promettente progetto. La Racing Point è stata ribattezzata Aston Martin e sotto la guida di Lawrence Stroll sono stati fatti notevoli investimenti. Con l'introduzione del budget cap a partire dal 2021, questo team spera di arrivare al top in futuro.

Il passaggio alla Aston Martin si è rivelato una mossa azzeccata. Vettel ha potuto ricominciare da zero e si è trovato subito a suo agio all'interno della squadra. Questo si è tradotto in due podi: il secondo posto a Baku e il secondo posto in Ungheria. Quest'ultimo, tuttavia, lo viene perso a causa di una squalifica dovuta ad una quantità troppo bassa di carburante nel serbatoio per permettere l’indagine della FIA.

Sebastian Vettel nel 2022

Nel complesso, il 2021 si è rivelato un anno soddisfacente per Vettel. Ha concluso la stagione al 12° posto, davanti al compagno di squadra Lance Stroll e con più punti di quelli che era riuscito a raccogliere nella sua ultima stagione con la Ferrari. Il tedesco sembra rinato in Aston Martin e vorrà aiutare la squadra a continuare il suo percorso verso il vertice nel 2022.