driver

Mick Schumacher


16

12 PTS


nationality
Germany
place
Switzerland
date
22-03-1999
debut
2021

Mick Schumacher

Nel 2021, uno dei più grandi nomi della storia dell'automobilismo sportivo è tornato in Formula 1. Il figlio di Michael Schumacher ha fatto il suo debutto nel team Haas. Soprattutto considerando le condizioni in cui si trova il grande campione dopo il suo incidente, l'ingresso di Mick è stato un momento speciale ed emozionante.

Classifica di F1

Pos.NameTeamPoints
1VERMax VerstappenRed Bull Racing341
2LECCharles LeclercFerrari237
3PERSergio PerezRed Bull Racing235
4RUSGeorge RussellMercedes AMG F1 team203
5SAICarlos SainzFerrari202
6HAMLewis HamiltonMercedes AMG F1 team170
7NORLando NorrisMcLaren100
8OCOEsteban OconAlpine F1 team66
9ALOFernando AlonsoAlpine F1 team59
10BOTValtteri BottasAlfa Romeo F1 team46
11RICDaniel RicciardoMcLaren29
12VETSebastian VettelAston Martin F1 team24
13GASPierre GaslyScuderia AlphaTauri23
14MAGKevin MagnussenHaas F122
15STRLance StrollAston Martin F1 team13
16SCHMick SchumacherHaas F112
17TSUYuki TsunodaScuderia AlphaTauri11
18ZHOGuanyu ZhouAlfa Romeo F1 team6
19ALBAlex AlbonWilliams4
19ALBAlexander AlbonWilliams4
20DEVNyck de VriesWilliams2
21LATNicholas LatifiWilliams0
22HULNico HulkenbergAston Martin F1 team0

 

Il nome Schumacher, croce e delizia

Come figlio del pilota di Formula 1 di maggior successo di tutti i tempi, non sarà mai facile per Mick Schumacher uscire dall'ombra del suo famoso padre. I suoi risultati saranno sempre paragonati a quelli del padre e ha dovuto imparare già da diversi anni a gestire le accuse di dovere i suoi successi esclusivamente a quel cognome.

Da questo punto di vista, avere un padre famoso è uno svantaggio, ma ha sicuramente anche dei lati positivi, soprattutto dal punto di vista finanziario. Da diversi anni, il tedesco appare davanti alle telecamere con un noto logo sul berretto, quello della Deutsche Vermögensberatung, che è stata anche lo sponsor personale di Michael per molti anni.

Il suo cognome deve avergli dato una spinta nella giusta direzione dal punto di vista finanziario e la collaborazione con la Ferrari non è una coincidenza. Questo ha dato a Mick la possibilità di mettersi alla prova nelle categorie giovanili, ma per arrivare alla Formula 1 ha dovuto dimostrare il suo valore in pista e, a causa del suo cognome, è stato giudicato in modo molto severo.

I problemi “d’avviamento” si rivelano tipici di Schumacher

I risultati non sono stati spettacolari fin dall'inizio. Ha gareggiato bene nel karting e ha ottenuto diversi piazzamenti di rilievo nei campionati più importanti, ma si è sempre fermato a un passo dal titolo. A livello nazionale, europeo e mondiale, ha sempre mancato di poco i premi più importanti.

Mick ha però dimostrato di essere veloce e così nel 2015 ha cambiato categoria. Ha fatto il suo debutto nella Formula 4 ADAC con il team olandese Van Amersfoort Racing. Nel suo primo weekend di gara a Oschersleben, ha subito vinto, ma il resto della stagione è stato decisamente mediocre. Finisce addirittura dietro a Lando Norris nella classifica finale, anche se il britannico ha partecipato solo a tre degli otto weekend di gara.

Solo nella sua seconda stagione in F4 ha iniziato a ingranare, un inizio lento che lo avrebbe colpito più volte negli anni successivi. Passato al Prema Powerteam, ha corso sia nel campionato tedesco che in quello italiano. In entrambi i campionati ha vinto cinque gare e si è piazzato secondo in classifica, perdendo contro Joey Mawson e Marcos Siebert.

L'importante primo titolo di Formula 3

In questo caso si può dire che il suo cognome lo abbia aiutato, perché mentre di Mawson e Siebert non si è più sentito parlare, Schumacher è riuscito a passare in Formula 3 sempre con la Prema. Anche in questo caso ha avuto un inizio difficile. Mentre Lando Norris diventa campione, Schumacher non sale sul podio nemmeno una volta e conclude la stagione al dodicesimo posto.

La Prema ha concesso a Schumacher il tempo di maturare e un anno dopo si è vista ripagata della pazienza. Dopo un altro inizio difficile, nel 2017 una serie di vittorie nella seconda metà della stagione lo ha visto finalmente vincere il suo primo titolo con un ampio margine. Un titolo che probabilmente gli ha salvato la carriera.

In Formula 2, questo processo si è ripetuto. A una prima stagione mediocre ha fatto seguito la vittoria del titolo nel 2020. Lo ha fatto con solo due vittorie, ma ha dimostrato nuovamente di essere un pilota solido una volta che si sente a suo agio su un'auto. Quel successo gli è valso un posto in Formula 1 con il team Haas.

Schumacher debutta in Formula 1

Fin dal primo Gran Premio lo attendeva una grande sfida. La Haas aveva faticato a realizzare una vettura competitiva nelle due stagioni precedenti e aveva deciso di non sviluppare la monoposto 2021 prima dell'inizio della stagione.

La Haas si è quindi concentrata fin dall'inizio sui nuovi regolamenti 2022 e questo non ha aiutato i due rookie della squadra. Hanno trascorso gran parte della stagione in fondo alla griglia di partenza, ma come previsto, Schumacher ha fatto una migliore impressione rispetto al compagno di squadra Mazepin.

Mick Schumacher nel 2022

Il giovane tedesco non ha ancora ottenuto punti, ma visto il materiale a sua disposizione, non può essere biasimato per questo. La Haas è una delle poche scuderie ad aver rivolto la propria attenzione alla prossima stagione di Formula 1. Questo ha portato a una stagione 2021 difficile, ma potrebbe creare una buona base per Schumacher per ottenere i suoi primi punti nel 2022.