F1 News

Ricciardo completa il cerchio della F1: Un ritorno inevitabile alla Red Bull

Ricciardo completa il cerchio della F1: Un ritorno inevitabile alla Red Bull

23 novembre - 13:55 Ultimo aggiornamento: 18:13
0 Commenti

GPblog.com

La Red Bull Racing ha confermato che Daniel Ricciardo tornerà nel team per la stagione di Formula 1 2023. L'australiano chiude un cerchio e torna nella squadra in cui ha vinto sette Gran Premi e ottenuto diversi podi.

Ricciardo non guiderà durante i weekend dei Gran Premi. Ricciardo sarà invece il pilota di prova e di riserva. Visiterà comunque la maggior parte dei paddock di F1 in tutto il mondo, ma lavorerà anche al simulatore e guiderà durante i giorni di prova. Si occuperà anche del lato promozionale dell'attività della Red Bull Racing. E questo è un ruolo che non gli è nuovo. Ricciardo completa il cerchio.

Gli esordi in Formula 1

Ricciardo ha vinto il titolo britannico di Formula 3 nel 2009 e in quella stagione è riuscito a sedersi sulla Red Bull in F1, anche se solo durante un test riservato ai giovani piloti.

In quei pochi giorni a Jerez, l'australiano superò tutti i concorrenti e fu assunto come pilota di prova e di riserva della Toro Rosso (e della Red Bull Racing) per la stagione 2010. Un compito che l'australiano avrebbe svolto quell'anno insieme al neozelandese Brendon Hartley, anche se quest'ultimo è stato escluso dal programma della Red Bull nel corso della stagione.

In qualità di unico collaudatore della Toro Rosso, Ricciardo ha avuto tutte le opportunità per dimostrare il proprio valore. Ogni volta che si è messo al volante della vettura, è riuscito a ottenere un tempo migliore rispetto ai piloti più esperti del team. Questi risultati non sono stati disattesi: Ricciardo ha ottenuto un posto in gara alla HRT nella stagione di Formula 1 2011, anche se per poche gare.

Ricciardo ha fatto il suo debutto al Gran Premio di Gran Bretagna: ha registrato il tempo più lento nelle qualifiche e ha perso per mezzo secondo rispetto al suo compagno di squadra Vitantonio Liuzzi. Pur avendo guadagnato cinque posizioni durante il Gran Premio di Silverstone, Ricciardo è stato l'ultimo degli arrivati a causa di una serie di problemi di affidabilità che hanno colpito gli altri piloti. Nella gara successiva, in Germania, l'australiano è riuscito a ridurre il distacco dal compagno di squadra nelle qualifiche, abituandosi alla vettura. In gara ha concluso davanti a Karun Chandhok. La volta successiva, Ricciardo ha impressionato ulteriormente battendo Liuzzi nel Gran Premio. Nel corso della loro collaborazione per 10 gare, Ricciardo è riuscito ad eguagliare Liuzzi nei duelli di qualificazione. Il giorno della gara, l'australiano ha concluso con un vantaggio di 6-3.

La progressione nei ranghi

L'esperienza acquisita si è rivelata fondamentale, visto che un anno dopo ha preso il suo posto nella Toro Rosso. Dopo aver valutato tutte le opzioni, Helmut Marko decise di scegliere il giovane Ricciardo al fianco di Jean-Eric Vergne. Nella gara di apertura di quella stagione (che era anche la gara di casa) Ricciardo ottenne i suoi primi punti nel campionato. Grazie ai numerosi piazzamenti a punti ottenuti nell'anno del suo debutto, Ricciardo si assicurò un altro anno in Formula 1.

L'anno successivo iniziò la sua striscia di sfortuna nel Gran Premio d'Australia. Un problema allo scarico ha segnato la fine della gara per Ricciardo, che però ha avuto una stagione ancora una volta positiva. Ricciardo ha ottenuto punti in sei occasioni, con un massimo stagionale di 5° posto in griglia nel Gran Premio di Gran Bretagna 2013. Per Marko e Horner era chiaro che Ricciardo aveva qualcosa di speciale.

Con la partenza di Mark Webber dalla Red Bull Racing alla fine del 2013, spettava a Vergne e Ricciardo dimostrare chi fosse il miglior candidato a prendere il posto accanto a Sebastian Vettel. Ricciardo ha sfruttato al meglio l'opportunità e gli è stato permesso di salire di livello, mentre Vergne è caduto in una spirale negativa da quel momento in poi.

Nel 2014, Ricciardo è salito per la prima volta sul gradino più alto del podio. In particolare, ciò è avvenuto nel Gran Premio del Canada 2014, dove Ricciardo è partito in sesta posizione. È sceso al settimo posto ma ha lottato per risalire fino al podio. A soli cinque giri dalla fine, Ricciardo si trovava in terza posizione ma non si è arreso e ha superato Sergio Perez e Nico Rosberg per conquistare la vittoria. Più avanti nella stagione, ha conquistato la vittoria anche in Ungheria, mettendo in ombra il suo compagno di squadra (e quattro volte campione del mondo) Sebastian Vettel. Alla fine della stagione, Vettel è passato alla Ferrari e il giovane della Red Bull Daniil Kvyat è arrivato ad affiancare Ricciardo.

Sfida contro Verstappen

Dopo quattro gare nel 2016, sono stati fatti dei cambiamenti: Daniil Kvyat fu sostituito dal pilota della Toro Rosso Max Verstappen e l'olandese avrebbe preso posto sulla RB12 già a Barcellona. Una gara che il giovane talento allora diciottenne avrebbe vinto immediatamente, costringendo Ricciardo a mettere in mostra il suo talento. Se era risultato facile battere Vettel e Kvyat, Verstappen era di un'altra pasta ed è riuscito ad avvicinarsi molto al suo compagno di squadra nella sua prima stagione. La differenza era di soli 52 punti alla fine della stagione, nonostante Verstappen avesse corso quattro gare per la Toro Rosso.

Nel 2017, Ricciardo e Verstappen erano alla pari, ma la RB13 si è dimostrata tutt'altro che affidabile. Nella prima metà della stagione, è stato Verstappen a ricevere una serie di DNF, mentre dopo la pausa estiva, la sfortuna si è abbattuta sulle spalle di Ricciardo. Nonostante le sofferenze, Ricciardo è riuscito comunque a vincere a Baku e a salire sul podio per un totale di otto volte.

La motivazione è poi calata nelle stagioni successive. L'affidabilità della Red Bull con il motore Renault è peggiorata. Insieme all'incidente di Ricciardo con Verstappen a Baku, Ricciardo sentiva di aver bisogno di un nuovo inizio per la stagione 2019.

Non si è rivelato un colpo da maestro. La Renault ha iniziato in modo ragionevolmente positivo come "migliore degli altri", ma ben presto i grandi discorsi della Renault si sono rivelati non fondati. Anche la McLaren ha fatto meglio e Ricciardo ha iniziato a capire di aver fatto la scelta sbagliata.

Dopo il quinto posto nella classifica costruttori nel 2019, il 2020 non sembra iniziare molto meglio per Ricciardo. Il compagno di squadra Nico Hulkenberg è stato sostituito da Esteban Ocon e l'uomo di Perth ha dovuto lavorare molto da solo. Nella seconda parte della stagione, è riuscito ad avere successo più spesso ed è stato premiato con due podi. Questo ha dimostrato che Ricciardo aveva ancora voglia di lottare.

Quei podi gli hanno fatto bene e si è classificato quinto nella lotta per il titolo mondiale. Tuttavia, la decisione di guidare per la McLaren nel 2021 era stata presa da tempo e Ricciardo si unì al giovane Lando Norris nella squadra di Woking. La McLaren passò anche ai motori Mercedes, ma nonostante gli enormi sforzi della squadra e di Ricciardo, le cose non hanno funzionato. L'australiano ha ottenuto una vittoria in gara, ma nel complesso non è riuscito a prendere confidenza con l'auto ed è stato costantemente battuto da Norris. Alla fine, la McLaren ha tagliato presto i ponti con Ricciardo dandogli la possibilità di tornare alla Red Bull.

Lettore video

Altri video