tag-background-image

F1 team

McLaren


4

0 PTS

Lando Norris

Oscar Piastri

Sede
Woking, Great-Britain
Caposquadra
Andrea Stella
Chassis
MCL38
Motore
Mercedes

McLaren

Le vetture McLaren, di colore arancione brillante, si distinguono nettamente dalle altre vetture della griglia di partenza della Formula 1. Dopo anni di scarse prestazioni, Andreas Seidl, James Key e Zak Brown hanno portato una ventata di aria fresca e l’arrivo di Andrea Stella, dopo un inizio di stagione deludente, ha fatto fare un ulteriore passo in avanti al team, portando la McLaren ad essere una delle principali sfidanti della Red Bull.

 

Classifica di F1

Chi guiderà la McLaren in Formula 1?

Subentrato a Daniel Ricciardo all’inizio della scorsa stagione, Oscar Piastri ha subito stupito. Con due podi e una vittoria nella gara sprint in Qatar, l’australiano si è affermato come uno dei migliori rookie della storia recente della Formula 1. Le aspettative su di lui sono alte, e la sensazione è che in questa stagione possa fare ancora meglio.

Accanto a lui troviamo Lando Norris, ormai leader della squadra nonostante la giovane età. Il britannico viene da due ottime stagioni, concluse entrambe al sesto posto nel campionato piloti, e non è un segreto che punti con forza alla sua prima vittoria in Formula 1.

La nascita della McLaren

Nonostante gli ottimi risultati ottenuti con la Cooper, il giovane Bruce McLaren decise di presentarsi alla partenza del Gran Premio di Monaco del 1966 con una vettura della propria scuderia, la McLaren. Solo dopo il passaggio ai motori Cosworth, la McLaren ottenne la sua prima vittoria. Il neozelandese fu anche elogiato per la sua prestazione nel GP del Canada, ma la squadra si fermò a un passo dal titolo.

La McLaren non vinse alcun titolo in Formula 1, ma la squadra si distinse in altre classi. La classe Can-Am era un appuntamento fisso per Bruce e la sua squadra. Nel 1970, McLaren stava testando la nuova vettura Can-Am per la stagione successiva, ma una parte della macchina si ruppe. Questo causò il testacoda della vettura e il suo schianto contro il muro. Il neozelandese non sopravvisse all'incidente, ma il nome McLaren rimase legato alla squadra.

Quattro anni dopo la morte di McLaren, l'omonima scuderia vinse il suo primo campionato. La squadra ingaggiò Emerson Fittipaldi, che dopo due anni di successi alla Lotus conquistò il titolo anche con la squadra britannica. La festa durò poco, perché Niki Lauda e la sua Ferrari entrarono in scena l'anno successivo. Nel 1976, James Hunt vinse il titolo con la McLaren, ma il titolo costruttori andò ancora una volta alla Ferrari.

La McLaren al vertice

Con Ron Dennis al timone, nel 1983 ci fu un grande cambiamento dopo anni di risultati non all’altezza. La McLaren sostituì i motori Ford con quelli Porsche. Con il duo Lauda-Prost, la McLaren aveva tutti gli ingredienti per raggiungere il successo. Nel 1984 conquistarono il titolo, così come nel 1985: la prima volta con Lauda, la seconda con Prost. 

Sebbene il motore Porsche sembrasse dare una marcia in più alla McLaren, il divertimento era già finito nel 1986. La Williams, motorizzata Honda, ottenne risultati migliori. La McLaren decise quindi di correre anch'essa con un motore Honda. La decisione portò a un titolo dopo l'altro a partire dal 1988, con Senna e Prost alla guida. Anche se i due piloti non andavano d'accordo, la McLaren era più dominante che mai. Anche dopo che Prost lasciò la squadra (dopo l'ennesimo scontro con Senna), il brasiliano continuò a fare incetta di vittorie. 

Solo nel 1992 la situazione cambiò e il motore Honda dimostrò di essere stato superato da altri costruttori. Nel 1994, anche Senna lasciò la squadra per passare alla più performante Williams. Un cambiamento di carriera che lo porterà alla morte durante il GP di San Marino.

Il ritorno al vertice

La scuderia di Woking schierò a partire dal 1996 il duo Mika Hakkinen-David Coulthard, mentre un motore Mercedes ruggiva nelle sue auto. Sebbene la McLaren fosse riuscita a conquistare podi e occasionalmente vittorie con la coppia di piloti anglo-finlandese, solo nel 1998 vinse nuovamente il titolo costruttori. In quell'anno Hakkinen conquistò anche il suo primo titolo piloti, seguito dal secondo un anno dopo. 

Nel 2001, un finlandese lasciò la squadra e ne arrivò un altro. Kimi Raikkonen sostituì Hakkinen, ma non portò risultati migliori. Nonostante alcune vittorie, furono Fernando Alonso e la Renault a vincere entrambi i titoli nel 2005, seguiti a breve distanza da Raikkonen con la sua McLaren. Due anni dopo, Alonso tentò di ripetersi con la McLaren, passando alla scuderia britannica. Tuttavia, la stagione non sarebbe andata come sperava lo spagnolo. 

Lo scandalo sui progetti della Ferrari del 2007 portò alla perdita del titolo costruttori. Anche il campionato andò a favore del ferrarista Raikkonen all'ultima gara. Alonso lasciò la McLaren dopo un anno, mentre il debuttante Lewis Hamilton si accontentò della seconda posizione.

Un anno dopo, Hamilton vinse il campionato con la McLaren. Il titolo costruttori andò alla Ferrari, ma il britannico conquistò il suo primo titolo. Il 2009 è stato l'unico anno in cui la Brawn GP ha gareggiato, ma è stato anche l'anno in cui assieme a Jenson Button ha vinto entrambi i titoli. Il britannico si sarebbe seduto al fianco del suo connazionale un anno dopo alla McLaren, ma non si tornò ai giorni di gloria: La Red Bull Racing dominò la Formula 1 a partire dal 2010.

L'era Honda-Alonso 2.0

La partenza di Hamilton verso la Mercedes, nel 2013, ha dato inizio a un altro periodo di porte girevoli in McLaren. Prima il suo posto è stato preso da Sergio Perez. Poi il messicano è stato sostituito da Magnussen. Nel 2015 il danese è stato allontanato dopo una sola gara per fare posto a Fernando Alonso. Lo spagnolo sarebbe rimasto in squadra più a lungo questa volta, ma ancora una volta se ne sarebbe andato deluso.

Nello stesso anno in cui Alonso è tornato alla McLaren, il team è passato dai motori Mercedes a quelli Honda. Dopo aver venduto il team ufficiale a Ross Brawn (che lo ha ribattezzato Brawn GP, prima che diventasse il nuovo team Mercedes), il produttore giapponese aveva abbandonato la Formula 1, fino al 2015, quando Honda è tornata come fornitore. Tuttavia, la McLaren non ha ottenuto grandi successi. Nel 2017 McLaren e Honda hanno toccato il fondo e neanche nel 2018 il boss del team Eric Boullier è riuscito a risollevare le sorti della McLaren, dopo aver sostituito Honda con Renault come fornitore.

Da lì è iniziata una lenta risalita, caratterizzata da una sequenza di stagioni promettenti. I risultati sono migliorati poi ulteriormente con l’arrivo dei nuovi regolamenti nel 2022. Due anni fa la McLaren si è imposta come “prima delle altre”, mostrandosi ancora però lontana da Red Bull, Ferrari e Mercedes, ma nel 2023 - dopo un avvio di stagione disastroso - è arrivato il definitivo salto di qualità, che ha portato la scuderia di Woking a lottare alla pari con Mercedes e Ferrari e a impensierire talvolta la Red Bull. Resta da vedere se nel 2024 riusciranno a contendere più di qualche vittoria agli austriaci.

Quale motore utilizzerà la McLaren?

La McLaren ha usato tre motori diversi nelle ultime sette stagioni. Nel 2017 la squadra ha utilizzato un motore Honda, dopodiché ha firmato un accordo quadriennale con Renault. Per il 2024, tuttavia, la McLaren utilizzerà un potente motore Mercedes, che potrebbe risultare decisivo per vivere una stagione al top.