Red Bull Contentpool

F1 News

Ricciardo di nuovo alla Red Bull: l'erba dei concorrenti non era più verde

Ricciardo di nuovo alla Red Bull: l'erba dei concorrenti non era più verde

23 novembre - 15:03 Ultimo aggiornamento: 18:22
0 Commenti

GPblog.com

Daniel Ricciardo è tornato alla Red Bull Racing. Dopo quattro stagioni, sembra che l'erba non fosse più verde in altre scuderie e l'australiano (con un conto in banca ben gonfio) sta tornando dove ha ottenuto i suoi più grandi successi. Ecco una panoramica degli ultimi quattro anni lontano da casa.

Separazione dalla Red Bull

Nel 2018, Ricciardo ha annunciato la fine della sua collaborazione con la Red Bull Racing. Dopo aver debuttato con la HRT alla Toro Rosso nel 2011, Ricciardo ha avuto la possibilità di maturare nel 2012 e nel 2013, prima di essere ritenuto abbastanza bravo da sostituire il connazionale Mark Webber nella squadra principale nel 2014. Questo si è rivelato un successo, in quanto Ricciardo ha battuto il suo compagno di squadra Sebastian Vettel nel suo primo anno con la squadra.

Negli anni successivi, Ricciardo è diventato uno dei grandi nomi dello sport e nel 2016 e nel 2017 è riuscito persino a contenere l'astro nascente Max Verstappen. La situazione è peggiorata nel corso del 2018 e quando il team ha incolpato entrambi i piloti per l'incidente in Azerbaijan, Ricciardo si è stufato. Pensava che la squadra fosse più dalla parte di Verstappen e ha deciso di rifugiarsi altrove.

Il passaggio alla Renault

Nel 2019 è entrato in azione per la Renault. Una scelta di per sé logica. La Ferrari e la Mercedes non sono mai state seriamente interessate a Ricciardo e così Ricciardo è passato alla quarta squadra della griglia. Essendo una squadra di serie, Renault ha anche un vantaggio e Cyril Abitboul ha fatto tutto il possibile (finanziariamente) per portare Ricciardo come figura di riferimento.

La cosa ha funzionato: Ricciardo ha fatto il grande passo ed è diventato la figura di riferimento della Renault nel 2019. Dal punto di vista sportivo, Ricciardo era ancora in vantaggio rispetto alla diretta concorrenza, dato che ha battuto Nico Hulkenberg già nel primo anno nel duello delle qualifiche (14-7) con una differenza media di 0,078s. Ricciardo ha anche surclassato il suo compagno di squadra in termini di punti: 54 a 37 punti.

Tuttavia, non è stato proprio l'anno che Ricciardo sperava, poiché la Renault è scesa al quinto posto nella classifica di squadra. La McLaren si è piazzata addirittura al di sopra della scuderia francese, al quarto posto. Mentre la McLaren aveva ammesso onestamente di non poter essere competitiva a breve, la Renault aveva messo i bastoni tra le ruote a Ricciardo dicendo di voler competere per i primi tre posti. Ricciardo ha quindi preferito la Renault alla McLaren nel 2019.

Di conseguenza, Ricciardo non ha esitato un attimo quando si è liberato un posto in McLaren per il 2021. Prima ancora di aver percorso un metro nel 2020, Ricciardo ha firmato un contratto con la rivale. Alla Renault sono rimasti scioccati. Avevano investito molto sul pilota che, dopo un solo anno, aveva deciso di dire basta.

Nonostante la partenza annunciata in anticipo, il 2020 non è stato un anno negativo dal punto di vista sportivo per Ricciardo. Hulkenberg è stato sostituito da Esteban Ocon e con il francese Ricciardo ha avuto vita ancora più facile. Il duello in qualifica è stato vinto 15-2 con una differenza media di 0,261s. La differenza è stata immensa anche in termini di punti: 119 a 62.

Con due podi, Ricciardo ha vissuto momenti importanti con la Renault che non dimenticherà mai. La domanda da porsi è quindi se il cambio sia stato saggio. In Renault era l'uomo di punta e, sebbene nel 2020 sia arrivato quinto tra i costruttori, il potenziale di una squadra ufficiale era ancora presente.

Norris è più che all'altezza

In vista del 2021, l'attenzione era rivolta principalmente a Daniel Ricciardo. Anche le domande rivolte a Lando Norris riguardavano il suo nuovo compagno di squadra. Con sette vittorie alle spalle e dopo aver dominato in Renault, si pensava che Ricciardo avrebbe avuto la meglio su Norris. Tuttavia, l'australiano si è ripreso da una partenza a freddo.

Dal punto di vista sportivo, Ricciardo è migliorato e la McLaren si è piazzata di nuovo un posto sopra la Renault nel 2021. Con il nuovo motore Mercedes, Ricciardo ha persino vinto una gara in Italia. Un punto di forza in una stagione piena di delusioni. Infatti, alla McLaren nel 2021, Ricciardo non è riuscito a battere il suo compagno di squadra. Ha perso il duello in qualifica 5-15 con una differenza media di 0,192s. Norris ha anche ottenuto 45 punti in più rispetto al suo più esperto compagno di squadra.

Ricciardo e il suo team hanno indicato l'auto che Norris conosceva meglio e che gli piaceva di più come il motivo per cui Ricciardo ha ottenuto risultati inferiori. Tuttavia, il 2022 ha dimostrato che non è stato un anno negativo. Infatti, la scorsa stagione Norris ha ribadito di essere migliore nell'arco di un'intera stagione in McLaren, nonostante le auto fossero completamente nuove con i nuovi regolamenti. In effetti, la differenza è aumentata. Il duello in qualifica è stato vinto 20-2 dal giovane britannico, con una differenza media di oltre tre decimi. Anche i 37 punti di Ricciardo sono stati molto limitati rispetto ai 122 di Norris.

Tuttavia, nonostante un contratto fino al 2023, Ricciardo era rimasto a piedi in vista del prossimo anno. Infatti, la McLaren aveva deciso di riscattare il contratto dell'australiano. Il suo costo era semplicemente troppo alto per le prestazioni che offriva. Nel 2023 sarà sostituito da Oscar Piastri, un altro australiano che la McLaren è riuscita a strappare alla Alpine.

Torna nella famiglia Red Bull

Ricciardo non desiderava un posto alla Haas e ha scelto una strada diversa. In particolare, pensa di essere abbastanza bravo per le vittorie in gara e quindi voleva rimanere con i top team. Anche se, secondo Christian Horner, non c'è alcuna prospettiva di un posto in gara, la sua presenza creerà pressione sul secondo sedile di Sergio Perez. Se il messicano non dovesse fare bene, si penserà subito a Ricciardo. Anche alla Red Bull se ne renderanno conto.

Con Verstappen, Perez e Ricciardo, la Red Bull ha una formazione estremamente forte nel 2023 e la scelta di Ricciardo è anche abbastanza comprensibile. Il pilota 33enne sembrava ancora al suo posto alla Renault, ma il suo passaggio alla McLaren in particolare non ha giovato alla sua carriera. L'esperienza in pista di Ricciardo sarà comunque utile per il suo lavoro di simulazione e di test per la squadra.

Per Ricciardo, ovviamente, si tratta di un passo indietro. Ha lasciato la Red Bull alla fine del 2018 perché non si sentiva più l'uomo di punta all'interno della squadra. Ora torna quattro anni dopo e si accontenta di un ruolo di terzo pilota. La marea può cambiare rapidamente in F1, quindi chissà, forse proprio così, anche Ricciardo è a favore. In passato la Red Bull ha preso decisioni più folli di quella di sostituire un pilota titolare con un pilota di riserva.

Lettore video

Altri video