F1 News

franz tost sulla cooperazione con dietrich mateschitz

"Non ci sarà mai un altro come Dietrich Mateschitz".

23 dicembre A 09:00

    Max Verstappen, Sebastian Vettel, Carlos Sainz e Daniel Ricciardo devono in gran parte la loro carriera in F1 a Dietrich Mateschitz. Questo non vale però solo per i piloti. Anche un paio di team principal devono molto al comproprietario della Red Bull, che ha fondato la Red Bull Racing e l'AlphaTauri (Toro Rosso) e che è scomparso nel 2022. Franz Tost è arrivato al timone di quest'ultima squadra grazie al miliardario austriaco.

    Tost ha incontrato per la prima volta Mateschitz nel 1993, al Nürburgring, ha dichiarato a GP Racing. Tost ricorda che c'è stato subito un buon feeling tra i due. Solo nel 2005 Mateschitz disse all'ex pilota: "Franz, ora vai in Italia per costruire una squadra, sfruttare le sinergie con la Red Bull Technology e formare giovani piloti". E così è successo.

    Mateschitz era "un visionario".

    "È stato molto facile lavorare con lui", dice Tost ripensando al periodo trascorso con Mateschitz. "Lo chiamavo e lui mi diceva sì o no. La decisione veniva presa in cinque secondi. Era un visionario. Ma essere un visionario è una cosa. Ha anche reso ogni progetto un successo. Non troverai mai un'altra persona come Dietrich Mateschitz".

    Secondo Tost, non è mai stata intenzione di Mateschitz trasformare la (allora) Toro Rosso in una squadra in grado di competere per la vittoria dei Gran Premi, né tantomeno di puntare al titolo mondiale. Soprattutto, la squadra di Tost doveva preparare i piloti e collaborare con la Red Bull. Ma quest'ultima cosa divenne difficile perché i regolamenti cambiarono: all'improvviso le squadre dovettero progettare le loro auto completamente da sole. In fretta e furia, la Toro Rosso dovette allestire le proprie strutture per farlo.

    La Toro Rosso ha dovuto adottare un diverso metodo di lavoro

    La cosa non è andata per il verso giusto: inizialmente, ad esempio, sono stati costruiti dei container a Faenza, dove il personale doveva lavorare. Ma Tost si rese conto che era necessario costruire di più nel campus della Toro Rosso. Questo ha portato all'unica volta in cui Mateschitz si è arrabbiato con il team principal.

    "Perché ho deciso di abbattere un albero. C'era un parco e c'era questo grande e vecchio albero... Avevo bisogno di più spazio per lavorare. Così abbiamo abbattuto quell'albero. Ma lui amava gli alberi. Mi disse: "Perché, Franz? Perché hai abbattuto quel fantastico albero?" Gli dissi che avevamo bisogno di spazi di lavoro, non di alberi. E si arrabbiò. È stata l'unica volta che si è arrabbiato con me", racconta Tost.