F1 News

Wolff sulle dichiarazioni di Marko: Non c'è posto in F1 per quelle cose.

Wolff sulle dichiarazioni di Marko: "Non c'è posto in F1 per quelle cose".

15-09-2023 14:11 Ultimo aggiornamento: 15:01

Simone Tommasi

Helmut Marko si è messo nei guai con i suoi recenti commenti su Sergio Perez, per i quali si è poi scusato. Dopo che Lewis Hamilton aveva già criticato le dichiarazioni del consulente della Red Bull Racing, ora anche il team principal della Mercedes Toto Wolff ha commentato la situazione insieme a Zak Brown, Guenther Steiner e Alessandro Alunni Bravi.

Il venerdì del Gran Premio di Singapore, a diversi team principal della Formula 1 è stato chiesto il loro parere sulle dichiarazioni di Marko. "Penso che si debba stare molto attenti a ciò che si dice a chiunque. Non è stato un bel commento", ha esordito Zak Brown, CEO della McLaren.

"Posso capire che le persone si siano sentite offese. Non l'ho sentito personalmente, l'ho solo letto. Bisogna essere molto rispettosi di tutti e non fare commenti che possano essere considerati inappropriati", ha aggiunto il 51enne CEO.

Guenther Steiner fa eco alle parole del suo collega. "Gli stereotipi al giorno d'oggi non funzionano più", ha detto il team principal Haas. "Dobbiamo fare attenzione a ciò che diciamo. A volte è molto difficile da fare perché quello che dici non lo pensi davvero e quindi non dovresti dirlo, ovviamente, se ne sei consapevole".

Wolff: "Questa mentalità non appartiene alla F1".

"Non si tratta solo di ciò che è stato detto, ma anche della mentalità con cui ci si può approcciare a queste cose. Non c'è posto in Formula Uno per questo. Non è una cosa che avrebbe dovuto essere detta in passato e certamente non lo è ora o in futuro", ha detto Wolff a proposito delle dichiarazioni di Marko.

Il team principal della Mercedes ha continuato: "Sappiamo tutti che abbiamo bisogno di maggiore diversità in Formula Uno e di maggiore inclusione. I team fanno del loro meglio per creare un ambiente in cui ciò sia possibile. Dichiarazioni come questa non danno alla Formula Uno la luce che merita per tutte le sue attività".

Alessandro Alunni Bravi, rappresentante del team Alfa Romeo, sottolinea le parole dei suoi colleghi. "Sono pienamente d'accordo e per me è molto importante che come Formula Uno, come comunità, dobbiamo essere rispettosi. Insieme abbiamo iniziato un percorso verso la diversità e l'inclusione e questo deve essere un dato di fatto. Non dobbiamo limitarci ad avere una strategia. Dobbiamo avere dei comportamenti che mostrino alle persone il valore che diamo a questo aspetto in Formula Uno e dobbiamo stare attenti a come commentare le cose", ha detto il 48enne italiano. "Dobbiamo solo mostrare una reale inclusione e dimostrare che la Formula Uno è una comunità aperta in cui tutti possono trovare il proprio posto", ha aggiunto.