Column

Guerra in F1: Mohammed Ben Sulayem ha esagerato?

Guerra in F1: Mohammed Ben Sulayem ha esagerato?

25 gennaio - 09:39
0 Commenti

GPblog.com

Le tensioni tra la Formula 1 e la FIA continuano a crescere. Con la lettera della Formula 1 e del proprietario Liberty Media indirizzata alla federazione internazionale degli sport motoristici, contenente rimproveri durissimi, sembra che ci sia una piccola guerra tra le parti. Come si è arrivati a questo punto?

Esattamente un giorno fa, è stato scritto che il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem aveva senza dubbio riflettuto bene prima di inviare una serie di tweet controversi che indicavano che la Formula 1 era in vendita. In effetti, i tweet di Ben Sulayem erano in risposta a una presunta offerta per la Formula 1 da parte dell'Arabia Saudita attraverso un fondo sovrano. Tra le righe, era chiaro che la Formula 1 non avrebbe cambiato proprietario, ma che una vendita non era stata esclusa. Almeno, così sembrava voler dire Ben Sulayem.


Mantenere il silenzio

A distanza di poco meno di 24 ore, sembra che Ben Sulayem non abbia riflettuto così bene prima di intervenire sui social media. Infatti, la Formula 1 e Liberty Media sembrano infuriate per i tweet del capo della FIA. È stata persino inviata una lettera ufficiale alla FIA - una lettera che ovviamente è stata fatta trapelare ai media - in cui la Formula 1 afferma chiaramente che la federazione degli sport motoristici dovrebbe tenere la bocca chiusa su tutte le questioni commerciali che riguardano la classe automobilistica più importante del mondo.

Il tono della lettera è decisamente duro e dimostra quanto siano disturbati i rapporti tra le parti. Al centro di tutta la controversia c'è Mohammed Ben Sulayem. L'emiro, a differenza del suo amato predecessore Jean Todt, ama esprimere le proprie opinioni, preferibilmente via Twitter. Qualche settimana fa ha fatto scalpore l'annuncio che la Formula 1 avrebbe aperto le porte a nuovi team.

Questo ha provocato un'enorme protesta nel paddock, anche se nessuno ha parlato apertamente. In effetti, i team di Formula 1 erano concordi nel ritenere (con l'eccezione di Alpine) che dieci scuderie fossero sufficienti al momento, ma poi la pedina più importante della FIA ha inviato al mondo un messaggio completamente diverso.


Con Andretti prossima polemica

Subito dopo i tweet di Ben Sulayem, un partito dopo l'altro ha annunciato di essere molto interessato a entrare in Formula 1, e il candidato più importante è stato Michael Andretti. L'americano ha visto le parole del capo della FIA come una conferma del fatto che presto potrebbe essere sulla griglia di partenza con i suoi uomini. Poco dopo, Andretti ha addirittura presentato General Motors (con il marchio Cadillac) come nuovo partner e, secondo il proprietario del team, la Formula 1 non poteva davvero ignorarlo per questo motivo. Da parte dei team è rimasto praticamente in silenzio, a parte un occasionale messaggio cautamente positivo da parte di Toto Wolff o Zak Brown, per esempio.

I team di F1 sono rimasti sorpresi quando Ben Sulayem ha sfogato il suo disgusto su Twitter per l'accoglienza negativa che Andretti e la Cadillac avrebbero ricevuto dai team. Ancora una volta, i team non hanno risposto sui media alle parole del presidente della FIA, anche se dentro di loro ribollivano. Non si trattava di Ben Sulayem, ma della politica di accesso alla griglia di F1. Inoltre, i team si sono resi conto che General Motors non era altro che uno sponsor piuttosto che un produttore che voleva portare lo sport a un livello superiore.


Basta con Sulayem

Dopo l'ultima serie di tweet, la Formula 1 sembra aver chiuso con i tweet di Ben Sulayem per un po'. Senza mezzi termini, gli è stato detto di smettere di interferire in questioni che non lo riguardano. Ad esempio, i team sono stati infastiditi dal fatto che Ben Sulayem si sia inizialmente rifiutato di accettare un maggior numero di gare sprint. In breve, l'arabo ha mostrato una facile irritazione negli oltre 12 mesi del suo mandato. C'è quindi la possibilità che le tensioni nel paddock raggiungano di nuovo il punto di ebollizione. Sarà senza dubbio una stagione interessante. Non solo in pista, ma anche fuori.

Lettore video

Altri video