F1 News

Marko è molto soddisfatto di Honda dopo il prolungamento della collaborazione
Racepictures

Marko è molto soddisfatto di Honda dopo il prolungamento della collaborazione

6 agosto - 08:13 Ultimo aggiornamento: 08:39
0 Commenti

GPblog.com

Helmut Marko è molto soddisfatto della rinnovata collaborazione tra Red Bull Racing e Honda. Il fornitore di motori giapponese avrebbe dovuto cedere la gestione del propulsore a Red Bull Powertrains a partire dal 2023, ma la decisione è stata ora annullata. Di conseguenza, Honda rimarrà responsabile del motore dietro le quinte fino al 2025, l'anno prima che Porsche possa entrare in gara.

Marko racconta la storia dell'accordo esteso alla filiale olandese di Motorsport.com. L'austriaco è felice che ci sia stato un cambiamento di mentalità da parte dei giapponesi. Nel piano originale la Red Bull avrebbe dovuto gestire direttamente i motori a partire dal 2023. Secondo Marko, ci sarebbe un ulteriore problema nel reperire i pezzi di ricambio e i loro fornitori si trovano principalmente in Giappone.

Honda si occupa della consegna completa

Il consulente della Red Bull si rende conto che questo non sarebbe stato pratico e dice che altrimenti sarebbe diventato un vero problema per la squadra dal punto di vista tecnico, logistico e anche linguistico. Ora Honda continuerà a organizzare tutto e il team riceverà anche la consegna completa dei motori.

Marko spiega che questo è importante per lo status di Red Bull come nuovo arrivato nel 2026. Allora il team di Milton Keynes farà quasi certamente squadra con Porsche. Essendo nuova e lavorando con Honda dietro le quinte fino a quel momento, la Red Bull ha delle concessioni rispetto a Mercedes, Ferrari e Alpine. Ad esempio, il motore arriva in una scatola e se c'è qualcosa che non va, solo i tecnici Honda sono autorizzati a lavorarci.

Prepararsi al 2026

La Red Bull Powertrains è stata in parte costituita per gestire i motori fino al 2026. Ora che Honda continuerà a lavorare sul motore, la domanda sorge spontanea: cosa farà lo staff del reparto motori fino ad allora? Secondo Marko, attualmente si parla di circa trecento dipendenti e tutti stanno lavorando alle prossime normative sui motori. Assicura che, se un nuovo marchio si unirà nel 2026, le forze saranno unite.

Inoltre, afferma che il nuovo partner potrà utilizzare tutte le strutture di cui Red Bull già dispone e questo, secondo l'amministratore delegato austriaco, è un grande vantaggio. Sono in corso molti preparativi per soddisfare al meglio le nuove normative sui motori del 2026 e Porsche potrà contare immediatamente su una struttura di prim'ordine.

Lettore video

Altri video