Vowles si pronuncia sul telaio (di scorta) per il Gran Premio del Giappone

F1 News

La Williams lavora sul telaio per il Gran Premio del Giappone
28 marzo A 15:02
Ultimo aggiornamento 28 marzo A 16:24

    Il telaio di Alexander Albon sembra essere pronto in tempo per il Gran Premio del Giappone. Tuttavia, anche la Williams ha brutte notizie. Infatti, secondo James Vowles, la squadra si presenterà ancora una volta a un weekend di gara senza un telaio di riserva.

    La Williams era in difficoltà dopo le FP1 in Australia. Dopo un incidente di Albon nelle prime prove libere, è apparso subito chiaro che la squadra non aveva a disposizione un telaio di riserva. Albon, nonostante l'incidente, è rimasto con l'unico telaio disponibile. Logan Sargeant ne ha fatto le spese e non ha potuto gareggiare per il resto del weekend.

    Il telaio danneggiato da Albon viene ora riparato dalla Williams e dovrebbe essere pronto per il GP del Giappone. "Sono fiducioso che riusciremo a riparare il telaio. Abbiamo messo in atto delle misure per assicurarci che il telaio tornasse qui molto presto lunedì mattina. Credo che sia arrivato intorno alle 2 del mattino. Da allora c'era già una squadra all'interno dell'edificio che ci lavorava, smontandolo e riparandolo", ha dichiarato Vowles in un video del team.

    Ci sono ancora alcuni lavori da fare, ma il team principal della Williams presume che due auto possano correre in Giappone. Anche in questo caso, i piloti dovranno fare attenzione, perché ancora una volta il team non avrà a disposizione un telaio di riserva.

    Perché la Williams non ha un telaio di riserva

    "Non avremo un telaio di riserva in Giappone. Il piano originale prima dell'inizio della stagione era di avere tre telai, come ci si aspetterebbe al primo round [Bahrain]. Il piano è slittato verso il terzo round (Australia), quando i lavori sono stati sempre più in ritardo. Da allora, soprattutto con il lavoro che stiamo svolgendo sul telaio numero due, ci sarà ancora un piccolo ritardo".

    "Avremo presto un telaio. Per quanto riguarda la mole di lavoro, come probabilmente si può intuire dal fatto che non è ancora disponibile, si tratta di settimane e settimane di lavoro. Si tratta di migliaia di ore di lavoro. È uno dei lavori più importanti all'interno di un team di F1. Devi farlo bene. Anche quando viene costruita, deve essere completata con una serie di elementi per essere esattamente nello stato giusto e pronta per le gare".

    Quindi il messaggio è chiaro per Albon e Sargeant: non ci devono essere incidenti in Giappone. Un incidente con danni al telaio impedirebbe a uno dei due, probabilmente Sargeant, di tornare a correre. Suzuka è già abbastanza difficile per i piloti, figuriamoci con questo problema.