F1 News

Horner: Penso che dobbiamo sfoltire il gruppo di junior Red Bull in F2.

Horner: "Penso che dobbiamo sfoltire il gruppo di junior Red Bull in F2".

05-08-2023 20:58 Ultimo aggiornamento: 06-08-2023 11:31
Author profile picture

Andrea Bassini

Forse una cattiva notizia per il folto gruppo di giovani della Red Bull Racing che attualmente gareggiano in Formula 2. Il team principal della Red Bull Christian Horner ritiene che il programma junior debba concentrarsi maggiormente sui giovani. Questo significa sfoltire il gruppo attuale.

Horner ripensa alla filosofia del programma junior Red Bull

Max Verstappen e Sebastian Vettel sono due dei maggiori successi del programma Red Bull. "Funziona a ondate", dice Horner nel podcast di ESPN F1 a proposito dei successi del programma Red Bull. Altri successi minori ma sicuramente grandi piloti del programma sono Carlos Sainz, Daniel Ricciardo, Pierre Gasly e Alexander Albon.

Con Sergio Perez al fianco di Max Verstappen e Ricciardo all'AlphaTauri al fianco di Tsunoda, l'attuale formazione della Red Bull non rispecchia del tutto ciò che rappresenta il programma junior. Perez non è un giovane Red Bull e Ricciardo, con i suoi 33 anni, non è un prodotto della scuderia. Horner dice che potrebbe essere arrivato il momento di spostare l'attenzione e questa è una notizia potenzialmente negativa per il nutrito gruppo di piloti Red Bull che guidano in F2 e che, a quanto pare, non sono abbastanza forti per la F1.

Gruppo di piloti di F2 da ridurre

Questo gruppo comprende Dennis Hauger, Ayumu Iwasa, Jak Crawford, Isack Hadjar, Enzo Fittipaldi e Zane Maloney. Horner: "Credo che d'ora in poi ci concentreremo maggiormente sui giovani. Quest'anno abbiamo molti piloti in F2. Credo che ridurremo il numero di piloti. In futuro potremmo concentrarci maggiormente sulle classi di formula inferiori". Oltre ai piloti della F2, la squadra ha anche promettenti talenti esterni, come Liam Lawson nella Super Formula giapponese.

Horner conclude: "Un Max Verstappen o un Sebastian Vettel non arrivano ogni stagione. È importante individuare i talenti nel momento in cui si presentano".