F1 News

La FIA reprime la libertà di parola dei piloti, afferma l'organizzazione per i diritti umani

La FIA reprime la libertà di parola dei piloti", afferma l'organizzazione per i diritti umani

24 gennaio - 14:25 Ultimo aggiornamento: 15:17
0 Commenti

GPblog.com

L'Istituto per i Diritti e la Democrazia del Bahrain (BIRD) ha accusato la FIA di reprimere la libertà di espressione dei piloti. La BBC ha ottenuto una lettera alla FIA in cui il BIRD si rivolge all'organizzazione in modo critico.

Da quest'anno entra in vigore una nuova regola che vieta ai piloti di fare dichiarazioni politiche senza l'esplicito permesso della FIA. Negli ultimi anni diversi piloti hanno sfruttato la loro fama per attirare l'attenzione su questioni politiche durante i weekend di gara. Sebastian Vettel, ad esempio, ha regolarmente richiamato l'attenzione sui diritti LGBTQ e sulle questioni climatiche, mentre Hamilton ha spesso espresso il suo sostegno a Black Lives Matters. Toto Wolff e Lewis Hamilton hanno anche fatto notare che la Formula 1 gareggia regolarmente in paesi con situazioni problematiche sui diritti umani.

BIRD accusa la FIA di ipocrisia

Da quest'anno queste espressioni non saranno più possibili. Secondo BIRD, si tratta di un atteggiamento ipocrita da parte della FIA. "Hamilton ha usato la sua piattaforma per esprimere il suo sostegno ai diritti umani in paesi con una storia problematica in materia di diritti umani, tra cui Bahrein e Arabia Saudita", si legge nella lettera. "Nel corso della sua carriera, nessuna delle dichiarazioni rilasciate da Hamilton può essere considerata più politica della decisione della FIA di ritirarsi dalle gare in Russia nella scorsa stagione a causa dell'invasione dell'Ucraina. Nella sua stessa dichiarazione dello scorso anno, ha condannato l'invasione russa e ha espresso "tristezza e shock" per le vittime in Ucraina. Pur apprezzando questa dichiarazione, si tratta chiaramente di una dichiarazione politica".

Lettore video

Altri video