Vowles prende per mano la Williams: cultura, budget cap e Albon

Exclusive

vowles team boss williams f1 intervista cultura albon
9 settembre A 07:00
  • Tim Kraaij

James Vowles è diventato team principal in Formula 1 per la prima volta all'inizio di quest'anno. L'ex uomo della Mercedes sta impressionando come leader della Williams, che sta iniziando a rinascere sotto la sua guida. In un'intervista esclusiva a GPblog, Vowles spiega cosa ha trovato nella squadra, come sta lavorando per cambiare la cultura e l'impatto che Alexander Albon sta avendo nel garage.

La Williams prospera sotto la guida di Vowles

La Williams ha quasi il doppio dei punti del suo più diretto inseguitore, la Haas (11 punti), e sembra che si stia dirigendo verso il suo miglior piazzamento nel campionato costruttori dal 2017. All'epoca, hanno sfruttato al massimo il potentissimo motore Mercedes. Ora la Williams sta facendo tutto da sola.

Questo non può essere separato dall'arrivo di Vowles. Il britannico faceva parte del British American Racing (BAR) dal 2001, che in seguito si è trasformato in Honda, BrawnGP e Mercedes. Sotto quest'ultimo marchio, Vowles è stato promosso a Direttore del Motorsport ed è diventato una forza molto apprezzata all'interno del team. La scelta di chiamarlo come successore di Jost Capito è stata considerata un'ottima scelta.

A distanza di oltre sei mesi, le cose vanno molto meglio alla Williams. La squadra che ha chiuso in fondo alla classifica in quattro delle ultime cinque stagioni, sotto la guida di Vowles sta nuovamente massimizzando le qualità della vettura e ora è settima in campionato. In questo modo, si è lasciata alle spalle Alfa Romeo, Haas e AlphaTauri.

Come Vowles guarda ai suoi primi sei mesi alla Williams

"Sono orgoglioso di ciò che la squadra ha fatto negli ultimi otto mesi. La direzione di marcia è positiva. Ci stiamo davvero muovendo nella giusta direzione. Si vede che ci sono molte persone che credono in questa direzione. Se si guarda ad alcune gare di quest'anno, le due che spiccano sono Montreal e Silverstone. Abbiamo preso tutto quello che potevamo e anche di più da quello che avevamo come pacchetto. Sono orgoglioso di questo", ha dichiarato il 44enne.

In precedenza, c'erano molti punti interrogativi sul passaggio di Vowles. Cosa poteva ottenere da un'esperienza in Williams? Una squadra in cui il tempo sembra essersi fermato negli ultimi anni a causa della mancanza di investimenti. Tuttavia, Vowles sottolinea che le persone hanno un grande potenziale, come dimostrano i successi di questa stagione.

"Di solito, quando si cambia una cultura, ci vogliono molti anni. Non si può fare da un giorno all'altro. Ma quello che mi ha sorpreso è che in sei mesi abbiamo già visto l'inizio di un cambiamento culturale. Non abbiamo cambiato la cultura. Abbiamo visto l'inizio. È una cosa rara in un'organizzazione così grande. Significa che avevamo un'organizzazione pronta ad affrontare il cambiamento e che credeva nella direzione di marcia che gli stavo presentando".

Albon impressiona come leader della Williams

Un'altra sorpresa positiva che Vowles cita è Alexander Albon. I due si conoscevano già, ma Albon ha fatto una buona impressione al suo nuovo team principal. "Credo che Alex abbia fatto un passo avanti e lavoriamo molto bene insieme". Quando gli si chiede quanto sia importante il ruolo di Albon alla Williams, si capisce quanto sia importante un leader di questo tipo.

"È molto importante. La squadra guarda e ascolta alcune voci all'interno della squadra. E una di queste è assolutamente il pilota, di solito entrambi. Il pilota è in grado di descrivere cosa sta succedendo (nell'auto) e quali sono i limiti. Può farlo in modo da rendere chiaro agli ingegneri e ai progettisti cosa fare".

"È un'età incredibilmente giovane [27 anni] per essere un leader in questo ambiente, ma è necessario avere una direzione. I dati delle auto sono incredibili, ma non ti dicono tutto. I dati dell'auto ti dicono solo quali sono i limiti che il conducente sta guidando. Devi capire cosa ti limita e qual è il tuo limite. I dati dell'auto non ti aiuteranno quanto quelli del pilota".

La "cultura del non colpevolizzare" di Vowles

Mentre Albon svolge il suo ruolo per migliorare le prestazioni della vettura, Vowles si preoccupa soprattutto della cultura all'interno della Williams. Secondo Vowles, le persone avevano paura di commettere errori e quindi non progredivano. Sotto la guida di Vowles è stata introdotta, e con successo, la "cultura dell'assenza di colpe", molto apprezzata anche alla Mercedes. La domanda è: perché questa cultura è così importante per Vowles?

"Se tu lavorassi per me, vorrei che non ti ponessi mai il problema di spingere i limiti, sviluppare e innovare perché hai paura di commettere un errore o di perdere il lavoro. Quando si instaura una cultura della paura, accadono due cose. Prima di tutto, farai ciò che è sicuro. Quindi, invece di spingerti oltre, ti spingerai fin dove ti è comodo. Non ti spingerai oltre. In secondo luogo, quando si presenta un problema, la prima cosa che farai è nasconderlo. Non lo mostrerai al mondo e dirai: 'Ho sbagliato. Ecco perché ho sbagliato'.

"La quantità di fallimenti che ho avuto nella mia carriera è enorme. Ognuno di essi, a patto che se ne parli apertamente e lo si tratti correttamente, mi ha reso molto, molto più forte. Il successo non ti rende affatto più forte. Ti siedi e dici: 'Sì, ben fatto'. Voglio creare un ambiente che spinga all'innovazione. Voglio spingere lo sviluppo. Voglio spingere il lavoro di squadra. Voglio che se fai un errore, impari da esso. E poi insegnare agli altri intorno a te la stessa cosa".

Ma come si fa a colmare il divario tra sviluppo e prestazioni? In Formula 1, ciò che conta è il risultato e a volte si devono prendere decisioni difficili. "Guadagneremo e perderemo insieme", ha detto Vowles. Per Vowles si tratta più che altro di colmare il divario con i vertici.

"Se consideriamo la nostra situazione attuale, di cosa abbiamo bisogno? Dobbiamo avere un tasso di sviluppo superiore a quello delle prime tre squadre della griglia per poter recuperare. Se fai meno di loro, non riuscirai a recuperare. Quindi come si fa? Non puoi fare lo stesso. Loro hanno attrezzature più consolidate, ambienti più consolidati, più persone e più soldi di noi".

"Quindi dobbiamo assicurarci di correre tutti i rischi possibili per superare i limiti. E falliremo. Faremo degli errori. E ho già spiegato alla squadra che mi va bene così. Nel 23-24, commettete errori, fallimenti e imparate da essi. Perché è l'unico modo per fare qualcosa che spinga i limiti e ci permetta di fare un lavoro migliore degli altri. Ci vuole tempo".

Il vantaggio dei top team in Formula 1

Questo porta a un punto critico: quanto tempo ci vorrà? Alpine/Renault ha sempre indicato un certo numero di anni o di gare come obiettivi, ma Vowles non vuole partire da lì. "Ci vogliono anni", ha sottolineato, ma perché sta scalando le classifiche della F1?

"La Williams è un'organizzazione incredibile, ma negli ultimi 20 anni non ha ricevuto gli investimenti necessari. E non devi fidarti delle mie parole. In Inghilterra tutti i conti sono pubblici, quindi puoi guardare quanto abbiamo investito. Posso quindi mostrarti quanto ho avuto la fortuna di spendere all'interno della Mercedes. I numeri non sono neanche lontanamente paragonabili. Per questo motivo, in Williams c'erano alcune strutture che erano obsolete da 20 o 25 anni".

Il problema per la Williams, che può investire denaro sotto la guida di Dorilton Capital, è che ora c'è un limite di budget per questi investimenti. Vowles ritiene che il tetto massimo di spesa sia una buona idea, ma con il tetto massimo di spesa per le strutture, le squadre migliori hanno un vantaggio che le piccole squadre non possono facilmente raggiungere. Per Vowles, questo è assolutamente fastidioso. In qualità di membro della Mercedes, ha votato a favore di queste regole qualche anno fa, ma ora stanno lavorando contro di lui.

"Dobbiamo essere ragionevoli come sport. Vogliamo che sia una meritocrazia. Vogliamo che sia uno sport. E al momento non lo è. Corro senza una scarpa. E non ho i chiodi. Altre persone hanno i chiodi e un lanciarazzi sulla schiena. Quindi dobbiamo equiparare lo sport. Il problema è che ci vorrà del tempo prima che la gente lo capisca. È difficile per le persone intorno a noi accettare che siamo pronti a spendere centinaia di milioni in più, non piccole cifre".

Vowles continua a spingere per modificare queste regole e rendere lo sport più equo per tutti i partecipanti. Ci vuole tempo, questo non è un segreto, ma Vowles ha dimostrato di essere già in grado di massimizzare le prestazioni con le risorse disponibili alla Williams.