F1 News

FIA contro piloti che esprimono questioni personali

Sulayem: "La FIA non è una piattaforma per le questioni personali dei piloti".

10 gennaio A 08:36
Ultimo aggiornamento 10 gennaio A 10:45
  • GPblog.com

La FIA ha introdotto qualche settimana fa il divieto di rilasciare dichiarazioni politiche, personali e religiose durante i weekend dei Gran Premi. Mohammed Ben Sulayem ritiene che la regola sia necessaria per mantenere la neutralità della FIA.

In base alla nuova regola del Codice Sportivo Internazionale, i piloti devono ora chiedere il permesso alla FIA prima di fare dichiarazioni politiche in pubblico. La FIA è intenzionata a mantenere la neutralità politica e tali questioni non sempre rientrano in questo ambito. Sulayem sottolinea che la FIA considera ancora importante la diversità, ma preferirebbe non utilizzare l'organo di governo come megafono per le dichiarazioni politiche dei piloti.

"La FIA è stata creata per lo sport, ma dovrebbe anche costruire ponti e utilizzare lo sport per raggiungere la pace e altri aspetti. Ma non vogliamo che la FIA diventi una piattaforma per questioni personali", ha dichiarato il presidente della FIA a Soymotor.com.

I piloti devono concentrarsi sulle gare

Nelle ultime stagioni, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel, in particolare, sono usciti allo scoperto con il loro attivismo. In diverse occasioni, i due campioni del mondo hanno indossato magliette con dichiarazioni su temi sociali. Sulayem ritiene tuttavia che i piloti abbiano molte altre possibilità per esprimersi. "Qual è la cosa migliore che possono fare i piloti? Guidare, perché sono responsabili dello spettacolo, sono le star. Nessuno li ferma. Ci sono altre piattaforme per esprimere ciò che vogliono, le hanno tutti e sono più che benvenuti a farlo".

Il presidente della FIA sostiene di avere anche lui i suoi obiettivi, ma di non ritenere che la FIA sia il posto giusto per realizzarli. "Non stiamo mettendo a tacere nessun pilota. Ho i miei pensieri personali, ma non per questo uso la FIA per questo", conclude Sulayem.