Column

La Ferrari deve pensare a cosa vuole fare con la sua academy

La Ferrari deve pensare a cosa vuole fare con la sua academy

28-11-2022 09:07 Ultimo aggiornamento: 11:18
0 Commenti

GPblog.com

Negli ultimi anni la Ferrari Junior Academy ha avuto accesso ai migliori piloti delle classi giovanili, ma con la partenza di Mick Schumacher, sono stati pochissimi i piloti che sono riusciti a sfondare. Cosa è andato storto nell'accademia italiana?

I programmi di formazione in F1

Quasi tutti i team di Formula 1 hanno un proprio programma di formazione. Persino la Williams, la squadra che langue in fondo al campionato costruttori, passerà al proprio junior Logan Sargeant nel 2023. La Red Bull è un esempio per molti, con un enorme programma per i giovani, un proprio team B e un team al vertice. La scala ideale per i giovani talenti del motorsport è ancora difficile da replicare.

La Mercedes è riuscita a preparare George Russell in modo simile e anche la Ferrari è riuscita a formare Charles Leclerc attraverso un anno intermedio all'Alfa Romeo. Sono i talenti eccezionali a sfondare, ma mentre la Red Bull ha spazio per molti talenti, la Ferrari è sempre più in difficoltà per il fatto di non avere il controllo sui suoi team B.

Haas e Alfa Romeo sono considerate squadre B della Ferrari, ma entrambe le squadre sono in realtà solo clienti della Ferrari. Accordi come quello della Haas con Mick Schumacher e dell'Alfa Romeo con Antonio Giovinazzi prevedono uno sconto su un motore Ferrari, ma questo non è imprescindibile per i team clienti. Alla fine, dopo tutto, devono essere performanti, quindi non c'è una pazienza angelica come quella di AlphaTauri.

Giovinazzi, ad esempio, era già stato messo da parte come talento Ferrari per Guanyu Zhou. Il pilota cinese ha portato più soldi e l'italiano si è dimostrato incapace di prendere per mano la squadra. Per questo motivo, Valtteri Bottas è stato preso come primo pilota. Alla Haas si assiste alla stessa cosa: Schumacher viene messo da parte per il veterano Nico Hulkenberg.

Le luci dorate della Ferrari

Nel 2020, la top four del campionato di Formula 2 comprendeva tre talenti Ferrari. A Mick Schumacher fu data una possibilità alla Haas come campione, mentre Callum Ilott fu abbandonato a se stesso. Anche al numero quattro di quel campionato, Robert Shwartzman, non è stato offerto un posto fisso in F1 nonostante i numerosi test con la Ferrari. È un grande contrasto con il numero tre di quell'anno, Yuki Tsunoda, che da allora ha goduto di tutta la fiducia della AlphaTauri e gli è stato permesso di rimanere anche dopo diversi incidenti.

In questo modo, un forte gruppo di talenti è andato perduto in Ferrari. Le cosiddette squadre B sono presenti, ma anche in queste squadre si punta sempre di più sulla qualità e sull'esperienza. A metà classifica c'è bisogno di punti e un esordiente non è in grado di fornirli. Quindi la Ferrari dovrà cercare una collaborazione più stretta se vuole essere in grado di formare talenti per più tempo.

Schumacher, Ilott, Shwartzman e Giovinazzi hanno ottenuto tutti ottimi risultati nelle classi inferiori e hanno avuto poche o nessuna possibilità in F1. Schumacher sembra destinato alla Mercedes, Ilott all'America e il futuro di Shwartzman e Giovinazzi è ancora sconosciuto.

Per i talenti emergenti, questo non significa nulla di buono. Oliver Bearman si è classificato terzo in Formula 3 nella sua stagione da esordiente e, come in F3, correrà anche per il team Prema nel 2023, ma in Formula 2. A soli 17 anni, il britannico è considerato un grande talento, ma con tutti i posti occupati all'Alfa Romeo (che presto si trasformerà in Audi) e alla Haas, ci si chiede dove la Ferrari veda il suo futuro.

Ci si può chiedere lo stesso di Arthur Leclerc. Il fratello minore di Charles ha deluso nella sua seconda stagione di F3, concludendo il campionato al sesto posto, e a 22 anni il tempo sta per scadere. Nel 2023 guiderà per il team DAMS in F2 e spera che si apra una porta da qualche parte.

Formare talenti per gli altri

Un programma di formazione per i team di F1 è una bella idea e i veri talenti di punta avranno sempre delle possibilità. La domanda è se un top team sarà effettivamente in grado di fare da mentore a un talento leggermente inferiore, senza avere una propria squadra B. Non si può biasimare un piccolo team come Haas per non essere stato paziente con Schumacher, ma per un programma di formazione è disastroso.

La Ferrari finirà per perdere l'Alfa Romeo come cliente in favore di Audi e, con Haas, rimarrà solo una squadra cliente. La scuderia americana ha dimostrato la propria volontà e quindi la Ferrari deve pensare a ciò che vuole fare con il suo programma di formazione. Se non c'è posto per i talenti in F1, devi dare loro un posto alla Ferrari stessa (cosa certamente non consigliabile) oppure darli in prestito o lasciarli andare in altre squadre. In quest'ultimo caso, però, starebbe preparando piloti per la concorrenza e non sembra essere questo lo scopo di avere un proprio programma di formazione.

Lettore video

Altri video