Red Bull Content Pool

F1 News

Windsor impressionato dalla gestione dei pneumatici di Leclerc ad Abu Dhabi

Windsor impressionato dalla gestione dei pneumatici di Leclerc ad Abu Dhabi

23 novembre - 19:17 Ultimo aggiornamento: 23 novembre - 19:17
0 Commenti

GPblog.com

Peter Windsor è rimasto impressionato Charles Leclerc al Gran Premio di Abu Dhabi. Il pilota della Ferrari ha seguito la stessa strategia di Max Verstappen, ma la vettura della scuderia italiana non è la più forte in termini di gestione degli pneumatici. Tuttavia, il monegasco è riuscito a mantenere in buona condizione le gomme dure e a tenere dietro Sergio Perez nella lotta per il secondo posto in campionato. Nella sua analisi Windsor ha anche elogiato Adrian Newey.

Windsor ha analizzato la gara sul suo canale YouTube e ha visto che non c'è stato nulla di sbagliato per Verstappen durante tutta la gara e ha definito quella di Yas Marina una grande giornata per il due volte campione del mondo." Non ha avuto problemi per la maggior parte del tempo. Dopo la gara ha parlato molto della gestione degli pneumatici e di come si sia concentrato su di essi per tutta la gara. Ha iniziato con le medie, una sola sosta". Il giornalista trova quindi notevole che Leclerc sia riuscito a utilizzare la stessa strategia e a ottenere buoni tempi sul giro.

Verstappen ha indicato abbastanza presto nella gara che le gomme erano rimaste buone per molto tempo. Windsor non trova strano che l'olandese non abbia consumato le gomme così rapidamente. Inoltre, l'olandese ha consigliato al compagno di squadra di spingere a fondo perché ormai aveva capito che gli pneumatici avrebbero retto bene per tutta la gara. Windsor nota una grande differenza. "Questo è avvenuto con la RB18, che sappiamo essere un'auto splendidamente bilanciata e molto più efficiente dal punto di vista aerodinamico rispetto alla Ferrari. Quindi Leclerc ha dovuto guidare in modo diverso, al limite assoluto, senza danneggiare gli pneumatici più del dovuto".

Newey

Durante le prime gare della stagione 2022, la Ferrari era ancora l'auto più veloce, ma alla fine la Red Bull Racing è riuscita a ribaltare la situazione. La scuderia austriaca deve ringraziare un uomo per il suo dominio di quest'anno. "Adrian Newey, in particolare, ha creato quel gioiello di auto. Quando i regolamenti sono cambiati, tutti hanno affrontato la questione in modo diverso. Nessuno aveva mai sentito parlare di porpoising, ma per la maggior parte dei team era così", conclude Windsor.

Lettore video

Altri video