Column

Alonso rimane dopo aver bruciato tanti ponti

Alonso rimane dopo aver bruciato tanti ponti

5 agosto - 08:02 Ultimo aggiornamento: 08:35
0 Commenti

GPblog.com

La recente saga della "silly season" è stata un grande argomento di discussione in F1, senza che si intraveda una chiara soluzione. Il passaggio di Alonso alla guida dell'Aston Martin e l'esclusione di Piastri del sedile dell'Alpine hanno lasciato la F1 in completo disordine. Analizziamo il ruolo del doppio campione del mondo in questa vicenda e come sia ancora favorito dai team, nonostante le sue azioni.

Cosa è successo?

Nella recente saga dei trasferimenti di piloti, Fernando Alonso è stato confermato come sostituto del dimissionario Sebastian Vettel all'Aston Martin F1 Team. Questo ha lasciato un buco inaspettato nell'Alpine a partire dal 2023, che si è cercato di colmare promuovendo l'astro nascente Oscar Piastri. Con una svolta ancora più inaspettata, poche ore dopo Piastri ha dichiarato con fermezza sui suoi social che non si sarebbe unito al costruttore francese, smentendo l'annuncio della stampa. Da allora non sono seguite dichiarazioni da parte di nessuna delle parti coinvolte.

Questo ha lasciato Alpine in uno stato di confusione totale. A loro avviso, le trattative per il contratto con Alonso erano in dirittura d'arrivo, e persino lo spagnolo sembrava intenzionato a rimanere. Tuttavia, non molto tempo dopo la pausa estiva della F1, un annuncio ufficiale alla stampa ha informato Alpine che Alonso aveva trovato un posto in Aston Martin, garantendogli il contratto a lungo termine che sentiva di meritare. Inoltre, ha postato una storia in cui mostrava di trovarsi a Oveido, in Spagna, non molto tempo dopo il deciso rifiuto di Piastri di sedersi al posto di Alpine, contraddicendo le convinzioni interne di Alpine secondo cui non era possibile contattarlo perché si trovava da qualche parte in Grecia.

Il passato

Come dimenticare le qualifiche del Gran Premio d'Ungheria del 2007? Un giorno che rimarrà per sempre nella storia della F1: questa fu la sessione in cui Alonso rimase seduto ai box per molto più tempo del necessario, ostacolando e infine impedendo a Hamilton di fare il suo giro in Q3, mentre Alonso riuscì a strappare la pole per oltre un decimo di secondo. Questo ha incrinato un rapporto già tenue tra i due piloti, portando un'aria di ostilità in tutta la squadra.

Al suo ritorno in McLaren, è stato definito "icona" per essersi lamentato via radio del motore e del pacchetto generale dell'auto. Sebbene sapesse benissimo che la McLaren era lontana dalla vittoria, si potrebbe affermare che non era preparato al calo delle prestazioni. Le prestazioni sono peggiorate e la squadra di Woking ha iniziato a languire in fondo al gruppo. Molti indicano gli anni 2016-2018, in cui le dure critiche di Alonso al motore Honda hanno portato al deterioramento della loro reputazione in F1.

Cosa riserva il futuro?

Non si può negare che Alonso abbia avuto un'influenza incredibile sulla F1. Con due campionati mondiali, lo spagnolo ha corso con le squadre più rappresentative come Renault, Ferrari e McLaren. Non si può nemmeno negare che le sue capacità relazionali abbiano ancora bisogno di un po' di lavoro, come dimostra ancora una volta la saga più recente. Tuttavia, le squadre non hanno mai paura di ingaggiarlo, perché sanno che la sua firma porterebbe ambizione, passione e voglia di lottare per tutto ciò che è in gioco.

L'Aston Martin sarà un terreno perfetto per il suo progetto finale? Da un lato, sarà il leader di fatto della squadra. Il suo carattere e la sua esperienza gli faranno guadagnare immediatamente il rispetto del team e gli garantiranno l'autorità che desidera. D'altra parte, la squadra stessa ha sofferto di ambizioni troppo alte. La costruzione di strutture nuove di zecca, l'assunzione di Vettel e la commercializzazione come nuovo team di classe per "colmare il divario con le auto di testa" non hanno funzionato esattamente bene. Solo il tempo ci dirà se vedremo un'accoppiata vincente o se la situazione peggiorerà ulteriormente per il campione.

Lettore video

Altri video