Berger critico nei confronti di Perez: "Nemmeno un novellino farebbe un errore del genere".

Red Bull Content Pool

General

Berger critica Perez ed esprime preoccupazione per Hamilton
7 dicembre A 17:50
Ultimo aggiornamento 7 dicembre A 21:07

    Gerhard Berger è impressionato da quanto mostrato da Max Verstappen in questa stagione, ma meno da Sergio Perez. L'ex pilota di Formula 1 non sembra capire bene il motivo per cui al messicano è stato concesso di rimanere, dato che anche Berger non pensava che Perez fosse forte alla fine della stagione.

    Riguardo a Verstappen, Berger dice che "vive per il suo sport, per la Formula 1, con ogni fibra del suo corpo". "Questa è la sua passione ed è per questo che credo sia il miglior pilota al mondo di tutti i tempi". Il 64enne austriaco è molto meno entusiasta del suo compagno di squadra. Perez ha ottenuto 290 punti in meno rispetto a Verstappen.

    Berger su Perez

    "Sì, se mettiamo insieme Max e Pérez, la media scende di parecchio" , dice Berger, connazionale e buon amico di Marko. "Guardando la manovra di sorpasso di Leclerc ai danni di Pérez all'ultimo giro del Gran Premio di Las Vegas, devo dire che nemmeno un principiante farebbe un errore del genere".

    Perez non ce l'ha fatta nel 2023, ma la Red Bull Racing non ha avuto bisogno di lui. Con 575 punti, Verstappen ha raccolto più di quanto abbia fatto il numero due del campionato costruttori (la Mercedes, con 409).

    Il vantaggio della Red Bull

    La domanda che ci si pone è se la Red Bull Racing inizierà il 2024 con un vantaggio così ampio sugli altri. I titoli mondiali sono stati assegnati in anticipo e quindi l'attenzione potrebbe concentrarsi sul 2024 fin da subito. Lewis Hamilton ha già rivelato che questo lo preoccupa.

    Berger ha commentato: "Questo è il linguaggio della Formula 1, per poter iniziare il nuovo anno con meno pressione. Anche se vedo la Red Bull come la chiara favorita, la Formula 1 è sempre pronta a sorprendere e qualcosa può sempre accadere. In ogni caso, non vedo l'ora che arrivi il 2024", ha concluso ai microfoni di Krone Zeitung.