Il junior della Red Bull ha sorpreso tutti finora, compreso sé stesso

Exclusive

Il pilota junior Iwasa Red Bull e Honda impressiona
25 maggio A 21:00
  • Tim Kraaij

Ayumu Iwasa sta disputando una stagione importante. Il pilota giapponese spera di passare un giorno in Formula 1 e, grazie all'eccellente inizio di stagione in Formula 2, sta facendo grandi progressi. GPblog ha parlato a lungo con il giovane pilota della Red Bull del suo inizio di stagione e del suo legame con Honda e Red Bull.

L'inizio di stagione in Formula 2

Nessuno ha iniziato la stagione di F2 in modo più costante di Iwasa. Per i primi due weekend, ha concluso ogni gara a punti, cosa che il resto della griglia non è riuscito a fare. La costanza è fondamentale in F2, come Iwasa sa fin troppo bene. In Australia, ha dato il massimo con una vittoria nella gara principale, che lo ha portato in testa al campionato dopo tre gare. Una sorpresa, a detta dello stesso allievo della Red Bull.

"Non me l'aspettavo. È davvero bello avere questa sensazione, ma io e la squadra non stiamo pensando al campionato. Il nostro obiettivo è vincere le prossime gare. Se vinco la gara, otterrò i punti. Inoltre, il mio obiettivo è quello di non esagerare con le prestazioni. L'anno scorso, il mio più grande miglioramento è stato quello di mettere insieme tutto in un solo weekend. Anche se avevo una buona velocità, non ottenevo un buon risultato. In questa stagione, invece, sto riuscendo a mettere tutto insieme", ha dichiarato Iwasa a GPblog.

"Sono migliorato molto nella seconda metà della scorsa stagione. La velocità era sempre presente. Solo che non sono stato in grado di essere costante per tutta la stagione. Ora sono in grado di mantenere queste prestazioni anche in questa stagione".

Il weekend successivo all'Australia è stato più impegnativo per Iwasa. A Baku, tutto è andato storto per il pilota giapponese, che ha totalizzato zero punti. Ha perso la prima posizione in campionato, ma l'ottimo inizio di stagione significa che il leader del campionato Theo Pourchaire non è lontano. Il distacco è di sette punti ed è ancora facile da colmare.

Il talento giapponese conquista l'Europa

Resta comunque notevole la rapidità con cui Iwasa è diventato competitivo in Europa. Molti piloti che arrivano in Europa dall'Asia faticano ad ambientarsi rapidamente. A Iwasa è andata bene. Anche se afferma che la sua prima stagione è stata difficile, ha vinto subito il campionato francese di F4 nel 2020. Se lo si può definire un anno negativo...

"Ho faticato molto quando mi sono trasferito a Le Mans per la F4 francese. Non sono riuscito a migliorare molto il mio inglese, quindi è stata una stagione difficile. Tuttavia, sono riuscito a vincere il campionato e questo è stato un grande passo avanti", ha dichiarato un sorridente Iwasa. Riconosce che un campionato vinto non è necessariamente una stagione negativa, ma afferma che l'anno successivo le cose sono andate molto meglio. "Per il 2021 mi sono trasferito a Milton Keynes, nel Regno Unito, perché la squadra era la Hitech. Da quel momento in poi ho potuto migliorare il mio inglese. Ora mi sento a mio agio nel Regno Unito e in Europa. Non c'è più frustrazione e mi sto godendo la vita. Mi concentro solo sulle gare".

Ora che lo scoglio più grande (la lingua) è stato superato, Iwasa inizia a sentirsi meglio, come dimostrano le sue prestazioni. Dal 2020 Iwasa fa parte dell'Honda Dream Project e nel 2021 è stato inserito nel programma di sviluppo della Red Bull. Iwasa ha un buon rapporto con entrambe le parti e quindi non ha mai lasciato Honda. Il supporto di Honda è arrivato dopo un intenso periodo di un anno nel 2019.

Il team Red Bull Junior

"C'è una sorta di selezione all'interno di Honda per la quale viene utilizzato il circuito di Suzuka. Ci vuole molto tempo, da aprile a novembre, alcune sessioni e noi partecipiamo ad alcune sessioni durante l'anno. Io sono arrivato primo alla fine di questa selezione ed è per questo che sono diventato un pilota Honda. È anche una sorta di scuola, perché ci sono alcuni piloti di Super Formula e alcuni istruttori. Lì ho potuto imparare molte cose e ho sentito crescere la mia fiducia in me stesso. Ecco perché sono diventato Honda junior e poi Red Bull junior".

Dopo il titolo vinto in F4 francese nel 2020, la Red Bull ha bussato alla porta di Iwasa. "È stata una cosa importante per me, perché nessuno mi ha mai sostenuto in termini di costi o mi ha aiutato con la formazione al simulatore. Anche Honda ha dato un grande supporto. È una combinazione di Honda e Red Bull, dato che sono supportato da entrambe. Ma il programma tra i due è diverso. Ora passo più tempo con Red Bull, soprattutto in fabbrica con le sessioni e i corsi al simulatore", conclude Iwasa.

Il pilota 21enne si sta preparando per la gara sul circuito di Monaco dopo che anche il weekend di gara a Imola è stato cancellato anche per i piloti della F2. Sarà un periodo intenso perché, dopo Monaco e la Spagna, la F2 sarà in pista anche in Austria, Inghilterra, Ungheria e Belgio prima della pausa estiva. È anche la fase in cui squadre come AlphaTauri valutano la formazione del prossimo anno. Il nome di Liam Lawson circola per la sua posizione di leader nel campionato di Super Formula. Anche Iwasa vorrà fare il possibile per farsi notare in vista del 2024.