Il favorito si racconta

Come si affrontano le sfide della Indy 500? Parla VeeKay

Interview

Rinus van Kalmthout Veekay sulle sfide della Indy500
23 maggio A 18:24
  • GPblog.com

Rinus van Kalmthout, o "VeeKay", inizierà la Indy 500 di domenica come uno dei favoriti. Per quattro anni di fila, l'olandese è stato un fattore dominante nelle qualifiche di una delle gare più famose del mondo. Si può dire che VeeKay e il suo team Ed Carpenter Racing conoscono a menadito l'imponente ovale di Indianapolis.

Correre su un ovale non è per tutti. Ci sono molti piloti che vorrebbero partecipare al campionato IndyCar su circuiti stradali, ma che poi rinunciano al loro posto non appena viene programmata una gara. VeeKay non ne vuole sapere. "È una follia e forse sono un po' pazzo", ha detto in una conversazione con GPblog"Sei molto al limite e devi essere molto a tuo agio. Riesco comunque a pensare molto bene. Qui [su un ovale] sono nel mio elemento, come se fossi fatto apposta".


Lavoro di squadra tra pilota e ingegnere

Con il suo secondo posto nelle qualifiche della Indy 500, sia il team che il pilota stanno dimostrando ancora una volta di trovarsi bene a Indianapolis, in una stagione che faticava a decollare. "Questo [guidare a Indy] mi si addice molto, ma è anche una specialità della mia squadra. Sono molto bravi qui, la macchina è buona. Credo che l'interazione tra pilota e ingegnere sia molto importante. Non c'era niente di più per me [in termini di prestazioni in qualifica]".

Può sembrare semplice: dare gas e tenere il volante leggermente a sinistra. Tuttavia, girare velocemente su un ovale comporta molte cose."Ci si preoccupa di ridurre al minimo l'attrito degli pneumatici, in modo che vadano il più forte possibile", ha spiegato VeeKay. "Naturalmente, mettiamo anche meno deportanza possibile sull'auto, per ottenere la massima velocità possibile. Così l'auto si adagia come se fosse un funambolo. Sono così concentrato che ho dimenticato come fosse durante le qualifiche. Non so nemmeno se ho sbattuto le palpebre per quei 16 chilometri".


Il più veloce nel traffico

La gara di domenica è completamente diversa dalle qualifiche, in cui i piloti sono in pista da soli. Presto ci saranno (probabilmente) 33 auto in pista contemporaneamente. Durante la Indy 500, senza dubbio nessuno vuole guidare in testa nelle prime fasi. "Ecco perché sono secondo e posso risparmiare carburante", ride VeeKay. "Se vuoi sapere chi ha l'auto più forte, devi vedere chi riesce a guidare più vicino a chi lo precede. Poi puoi vedere qual è l'auto più forte nel traffico".

L'olandese ha poi spiegato perché è più intelligente non guidare a lungo in testa. "La scia [dell'auto che ti precede] blocca molto vento e attrito. In questo modo vai più veloce. Se sei dietro a qualcuno, puoi guidare a metà acceleratore e consumare meno benzina. In questo modo la finestra per il pit-stop è più ampia e hai più margine per entrare ai box".

Veekay ha già indicato quali sono, a suo parere, i favoriti per la gara di domenica. "La cosa più importante è essere pazienti e assicurarsi di superare i primi 150 giri. Gli ultimi 50 giri sono quelli in cui diventa davvero importante. A quel punto le gare diventano davvero difficili e si possono prendere dei rischi. È importante rimanere davanti, per poter lottare alla fine. Sono sicuro che abbiamo un buon ritmo. L'auto si sente molto bene nel traffico, credo che sia meglio che in qualifica".

Questa intervista è stata condotta da Tim Kraaij