F1 News

La F1 modificherà la regola dei punti dopo la confusione in Giappone

La F1 modificherà la regola dei punti dopo la confusione in Giappone

24 gennaio - 09:56 Ultimo aggiornamento: 10:42
0 Commenti

GPblog.com

La FIA ha confermato l'intenzione di modificare il sistema di assegnazione dei punti per le gare di Formula 1 a tempo ridotto. Il cambiamento arriva dopo la confusione causata dal Gran Premio del Giappone dello scorso anno, dove Max Verstappen ha vinto il suo secondo titolo mondiale.

Il GP del Giappone 2022 si è svolto su pista bagnata dopo che la gara era stata rinviata per un'ora a causa della forte pioggia. Verstappen ha tagliato il traguardo per primo e ha vinto il suo secondo titolo mondiale dopo la penalità di Charles Leclerc, che aveva tagliato la chicane all'ultimo giro per mantenere il suo vantaggio su Sergio Perez.

La penalità di Leclerc ha dato a Verstappen un vantaggio ancora maggiore nel campionato piloti, ma a causa della gara accorciata si è creata confusione sul conteggio dei punti. I team di F1 pensavano che non sarebbero stati assegnati punti completi, ma la FIA ha assegnato a Verstappen 25 punti per la sua vittoria. Anche se la gara è stata accorciata, il Gran Premio è stato portato a termine.

Dopo il Gran Premio del Belgio del 2021 sono entrate in vigore nuove regole sulla distribuzione dei punti. Il vincitore riceve sei punti per una distanza inferiore al 25%, 13 punti per una distanza inferiore al 50% e infine 19 punti per una distanza inferiore al 75%. Poiché il GP del Giappone aveva una distanza di gara del 52%, i team pensavano che Verstappen avrebbe ottenuto solo 19 punti per la sua vittoria.

La FIA modificherà il punteggio per le gare più brevi

Steve Nielsen, il nuovo direttore sportivo della FIA, lavorerà sulla nuova distribuzione dei punti. Parlando con Motorsport.comMohammed Ben Sulayem rivela che i regolamenti saranno modificati, anche se lui stesso non ritiene che la FIA abbia sbagliato qualcosa in Giappone.

"Sì, sta cambiando. Per quanto riguarda i punti: chi li ha scelti? I team. Chi li ha approvati? I team. Noi abbiamo dovuto solo implementarli. E chi si prende la colpa? Noi. Onestamente, dov'è l'equità? Ditemelo. Questo mi infastidisce", afferma il presidente della FIA.

Lettore video

Altri video