F1 News

Perché i team di F1 vogliono aumentare le tasse d'iscrizione per i nuovi arrivati

Perchè i team vogliono aumentare le quote di iscrizione alla F1?

11 gennaio A 12:08
Ultimo aggiornamento 11 gennaio A 15:00
  • GPblog.com

La notizia che Andretti vuole entrare in Formula 1 con Cadillac è stata accolta con favore dai fan, ma gli attuali team non sono entusiasti. La tassa di iscrizione è ora di 200 milioni di dollari. Secondo quanto riferito, i team di F1 puntano ad alzarla a 500 milioni di dollari, ma perché così tanto?

Con l'annuncio di Andretti Cadillac e la notizia che la FIA sta studiando un processo per l'ingresso di nuovi team di F1, sembra che in futuro ci sarà un undicesimo team in questo sport. La FIA è entusiasta, ma la F1 deve anche dare la sua approvazione al piano. È qui che le cose potrebbero essere più difficili per Andretti Cadillac e per altri potenziali interessati, come il miliardario Calvin Lo.

In precedenza è emersa la notizia che la maggior parte dei concorrenti è contraria a qualsiasi tipo di espansione. Solo McLaren e Alpine sarebbero favorevoli al progetto di Andretti Cadillac. Alpine potrebbe fornire i motori al team americano.

Gli altri team non sono d'accordo sulla tassa di iscrizione. L'importo attuale è di 200 milioni di dollari, ma i possibili rivali di Andretti sostengono che sia troppo bassa. I team vogliono che la F1 aumenti l'importo per i nuovi arrivati. Questo comporterebbe un forte aumento a 500-600 milioni di dollari, una cifra enorme con conseguenze significative. L'ingresso di nuovi team in F1 sarebbe quasi impossibile.

Perdite finanziarie e valore dei team di F1

I team hanno diverse ragioni per aumentare la tassa d'iscrizione. Ad esempio, temono di subire perdite finanziarie una volta ampliata la griglia di partenza. Questo perché il montepremi dovrebbe essere suddiviso tra 11 squadre anziché 10, il che significa che tutti riceverebbero meno soldi. Secondo The Race diverse fonti hanno fatto un confronto con i campionati statunitensi come la Major League Soccer e la National Hockey League, dove i nuovi arrivati devono pagare rispettivamente 325 e 650 milioni di dollari.

Anche il rapido aumento del valore dei team di F1 potrebbe essere un argomento. L'accordo sulla tassa d'iscrizione è stato firmato nel 2020 e va dal 2021 al 2025. L'importo iniziale di 200 milioni di dollari sarebbe stato giustificato dal fatto che la Williams è stata venduta per una cifra leggermente inferiore al momento della firma nel 2020. Tuttavia, a distanza di due anni, sono cambiate così tante cose che le squadre non sono più soddisfatte di questa cifra. Una somma di 600 milioni di dollari sarebbe più in linea con l'importo che Audi deve pagare a Sauber in vista del 2026.

Si teme inoltre che la cifra "bassa" incoraggi gli investimenti a breve termine, mentre lo sport ha bisogno di impegni seri e a lungo termine. In teoria, qualcuno potrebbe pagare 200 milioni di dollari per l'ultimo posto sulla griglia e poi venderlo con un profitto significativo.

Pochi dettagli sul progetto di Andretti

Un team principal ha dichiarato a The Race che i team sono critici per la mancanza di dettagli. Andretti non ha rivelato da dove verrà il finanziamento, a quanto ammonta e quale sarà il contributo finanziario e tecnico di General Motors. Andretti Cadillac dovrà fornire tali informazioni alla FIA, ma i team non potranno accedervi. Finché Andretti non renderà noti i suoi piani, i team di F1 faranno sentire la loro voce dietro le quinte.