F1 News

Stroll poco rispettoso secondo jenson button

Critiche severe al comportamento di Stroll: "Ho un grosso problema con questo".

20 ottobre A 21:10
Ultimo aggiornamento 20 ottobre A 21:27

    Jenson Button non è entusiasta del comportamento di Lance Stroll. Sebbene il canadese sia ancora protetto da suo padre e dalla Aston Martin, Button ritiene che il canadese dovrebbe mostrare più rispetto.

    Stroll ha mostrato il suo lato peggiore in Qatar. Dopo il fallimento delle qualifiche, ha lanciato il volante fuori dall'auto, il suo fisioterapista ha ricevuto un grosso spintone e il pilota ha anche rilasciato un'intervista rispondendo a monosillabi. Stroll sembrava inoltre ignaro di qualsiasi illecito negli Stati Uniti, cosa che Button non riesce proprio a capire.

    Perché Stroll non può comportarsi così

    "In parte si tratta sicuramente di sfortuna. Questa è un'altra situazione sfortunata in cui si trova", ha spiegato Button a Sky Sports dopo i problemi di Stroll nelle prime prove libere. "Il problema principale sono le buffonate fuori pista, con le quali ho qualche problema. Come pilota, in certe situazioni ci si stressa, ma bisogna controllarle. Devi avere più rispetto all'interno di una squadra e delle persone con cui lavori. Credo che nell'ultima gara abbia perso un po' questo aspetto".

    Secondo Mike Krack, team principal di Aston Martin, è anche perché la telecamera è sempre puntata sui piloti. Secondo Button, con i calciatori questo è molto meno frequente. Tuttavia, secondo il campione del mondo 2009, questo non vale quando si tratta di un contatto con un'altra persona.

    "Non quando si tratta di un essere umano, no. Non lo è. E anche Mike Krack ha detto che i piloti devono avere più rispetto. Capisco, in un certo senso, lo stress a cui siamo sottoposti e la telecamera è sempre puntata su un pilota, ma credo che il rispetto sia necessario anche per le altre persone con cui si lavora in squadra. Credo che se ne sia reso conto. So che è dura, c'è tanta pressione su di te".

    "Lui [la persona che Stroll ha spinto] stava facendo il suo lavoro correttamente. È una situazione molto difficile. Non sono molti gli sport in cui si hanno occhi puntati addosso per tutto il tempo. Ma questo è uno sport per adulti, non possiamo comportarci in questo modo. Ma sono sicuro che lo capisca, che se ne renda conto e che possa andare avanti". Quest'ultimo aspetto è ancora in dubbio, vista l'ultima apparizione di Stroll in conferenza stampa.