Exclusive

ben sulayem di liberty media team su andretti

Retroscena - Ben Sulayem mette in tensione le relazioni con la F1

10 ottobre A 08:19
  • Ludo van Denderen

Con un'intervista esplosiva, Mohammed Ben Sulayem ha ulteriormente inasprito i rapporti tra la FIA e Liberty Media, la direzione della Formula Uno (e quindi i team di F1). Il tema di dibattito rimane il potenziale ingresso di Andretti-Cadillac. Resta da vedere come le parole del presidente si ripercuoteranno su Liberty Media, sulla FOM e sui team.

Prima di tutto, una piccola lezione di PR: se un'azienda, un'agenzia o una persona importante ha un messaggio importante da proclamare, un giornalista (amichevole) viene regolarmente invitato a sedersi per un'intervista esclusiva. Il giornalista di solito viene volentieri, soprattutto se ha la possibilità di parlare con una persona o un personaggio di rilievo. Poi scrive con cura le parole dell'intervistato, mentre quest'ultimo a sua volta si accontenta della platea che gli viene data.

Ben Sulayem risolve la questione Andretti-Cadillac

È probabile che la conversazione tra Mohammed Ben Sulayem e l'agenzia di stampa Reuters in Qatar sia nata così. Dopotutto, il presidente della FIA aveva un messaggio chiaro da dire: sembra infatti piuttosto stufo del contraccolpo della Formula 1 per l'autorizzazione di Andretti-Cadillac e, con un'intervista di alto profilo, ha voluto indicare una volta per tutte che lui e i suoi collaboratori - e nessun altro - prendono le vere decisioni. Se Liberty Media, la FOM e i team di F1 non sono convinti della necessità di un undicesimo team sulla griglia di partenza, Ben Sulayem sembra aver chiuso la questione. E ora lo sa tutto il mondo.

Cosa ha detto il capo della FIA a Reuters in merito al dibattito in corso sull'opportunità o meno di ammettere il team americano in Formula 1? "Non siamo un fornitore di servizi. Il campionato è nostro. Lo abbiamo affittato, siamo i proprietari. Quindi anche questo deve essere rispettato", ha dichiarato Ben Sulayam all'agenzia di stampa. In altre parole, se, secondo la FIA, Andretti-Cadillac soddisfa tutti i criteri per la partecipazione alla Formula 1, la squadra otterrà un posto.

'Messo all'angolo'

Nell'intervista, Ben Sulayem smentisce che ci sia una lotta di potere tra la FIA da una parte e la FOM e Liberty Media dall'altra. Inoltre afferma: "La mia intenzione non è mai stata quella di mettere in imbarazzo o di mettere all'angolo qualcuno, Liberty o FOM. Sono qui per lo spirito dello sport". Eppure, con le sue dichiarazioni, Ben Sulayem sta facendo proprio questo: Liberty Media, la FOM e quindi i team di F1 non hanno altra scelta che cedere alla FIA e accogliere Andretti-Cadillac. Perché altrimenti... che altro?

Ben Sulayem conferma che è teoricamente possibile che Andretti-Cadillac corra i Gran Premi, ma senza cofinanziare il montepremi o generare altri introiti da parte della FOM e di Liberty Media, senza chiedersi se gli americani vogliano correre in F1 in questo modo. "Speriamo di no. Ma potrebbe accadere. Può succedere", ha detto il presidente a proposito di questa possibilità. Senza dubbio è curioso di sapere quale sarà la reazione di Liberty Media e della FOM. È probabile che i loro addetti alle pubbliche relazioni stiano parlando con i media proprio ora...