Hill sui record di Verstappen: "Vincere motiva, non le statistiche"

Red Bull Content Pool

F1 News

Hill sui record di Verstappen
23 agosto A 16:53
Ultimo aggiornamento 23 agosto A 17:34

    Max Verstappen sta vivendo una stagione 2023 impressionante, in cui può battere ancora molti record. Tuttavia, Damon Hill pensa che battere i record non sia la cosa più importante che motiva un pilota.

    Hill sui record della F1

    "Non si parte con l'ambizione di battere tutti i record a livello statistico", esordisce Hill nel podcast F1 Nation. "Penso che ciò che motiva i team e i piloti sia vincere e continuare a vincere. E naturalmente da questo derivano le statistiche. Se arrivi fino a questo punto e non sei mai stato battuto o se hai mantenuto un record di nove vittorie, questo diventa un dato di fatto". Verstappen può eguagliare il record di nove vittorie consecutive di Vettel a Zandvoort.

    La Red Bull è sempre stata forte

    Secondo il campione del mondo 1996, la Red Bull Racing è sempre stata in grado di costruire un'auto competitiva. "Durante tutte le stagioni, anche quando erano dominate dalla Mercedes, hanno prodotto auto incredibilmente competitive". In particolare, il motore all'inizio dell'era ibrida viene indicato da Hill come un tallone d'Achille.

    La Red Bull ha vinto tutte le gare finora disputate e la situazione non sembra destinata a cambiare a breve. "Se riusciranno a batter tutti questi record, alla fine della stagione potranno fermarsi. Allora tutti potranno pensare: 'Che risultato incredibile'. Ma non ci sono ancora arrivati", conclude Hill.