F1 News

Christian Horner di Red Bull Racing sulla collaborazione tra Honda e Aston

Horner elogia la Honda: "Un grande partner".

30 maggio A 21:06
Ultimo aggiornamento 31 maggio A 11:51

    Non dite che non ci hanno provato. Red Bull Racing e Honda hanno parlato molte volte di continuare la loro partnership di successo, ma alla fine è arrivata la separazione. A partire dal 2026, i giapponesi stringeranno un nuovo accordo con Aston Martin, come è emerso chiaramente la scorsa settimana. Christian Horner, team principal di Red Bull, riflette sull'accaduto.

    Horner ha riassunto ancora una volta la situazione: originariamente, Honda aveva intenzione di uscire completamente dalla Formula 1 alla fine del '22. Alla fine, Horner e Red Bull sono riusciti a convincere i giapponesi a continuare a fornire motori alla Red Bull fino alla fine del 2025, anche se senza il marchio Honda. Nel frattempo, i vertici di Honda hanno fatto lentamente marcia indietro sulla decisione di dire addio alla F1.


    Horner prevedeva troppi compromessi


    "In autunno e verso l'inverno dello scorso anno abbiamo discusso se fosse possibile un collegamento con l'elettrificazione, perché la combustione era ancora un aspetto che non volevano portare avanti. Ma, ad essere onesti, c'erano troppi compromessi, probabilmente da entrambe le parti, che avrebbero dovuto essere fatti per permettere che ciò accadesse. Così abbiamo deciso di accettare l'opzione con Ford e di impegnarci".

    Il matrimonio tra Red Bull e Honda è sempre andato secondo i piani, come entrambe le parti hanno rivelato in diverse occasioni. Presto toccherà ad Aston Marin collaborare con i giapponesi. "Honda è un ottimo partner, sono sicuro che il team di Silverstone sarà contento di lavorare con loro. Ma anche in questo caso mancano ancora due anni e mezzo".

    Quindi, a partire dal 2026, due diversi marchi automobilistici lavoreranno insieme. Sulla carta, sembra una cosa notevole: Aston Martin-Honda. Horner non prevede alcun problema: "Ovviamente credo che abbiano trovato un modo per superare le differenze che hanno come produttori di automobili e credo che per la Formula 1 sia positivo che il marchio Honda rimanga in questo sport".