Red Bull Content Pool

F1 News

verstappen in regime di bandiere rosse nelle qualifiche di monaco
I rischi delle qualifiche

Verstappen vorrebbe che la FIA prendesse provvedimenti: "È già successo un paio di volte".

25 maggio A 21:58
Ultimo aggiornamento 26 maggio A 11:13

    Un'ottima sessione di qualifiche è fondamentale per una gara di successo a Monaco, ma il giro più veloce non è privo di rischi sullo stretto circuito cittadino. C'è la possibilità che una bandiera rossa tardiva costringa i piloti di F1 a interrompere il loro giro. Verstappen vorrebbe vedere una soluzione a questo scenario, ma allo stesso tempo si rende conto che il problema non è tra le priorità della FIA.

    Fare un "banker lap", ovvero un giro veloce ma sicuro, è particolarmente importante a Monaco a causa delle limitate opportunità di sorpasso. Perché una bandiera rossa in ritardo, come è successo l'anno scorso quando Sergio Perez è andato a muro, può accadere proprio così.

    Verstappen: 'La bandiera rossa di solito non è causata di proposito'

    "Devo solo fare un buon giro nella prima manche, credo. La maggior parte delle volte non è fatto apposta", ha detto Verstappen durante il briefing stampa della Red Bull Racing a Monaco. "Ma succede a Monaco e in altri circuiti stradali. Ma devo solo affrontarlo".

    Per il momento, però, non sembrano essere state prese misure per evitare che i piloti perdano il loro ultimo giro veloce. "Al momento non è stato concordato o detto nulla. Ma è già successo alcune volte. C'è stata una bandiera rossa nella seconda manche. Devo solo assicurarmi che la prima manche sia buona", ha detto il campione del mondo in carica.

    Per Verstappen è particolarmente doloroso che tutti debbano interrompere il proprio giro nel momento in cui scatta la bandiera rossa. "In altre categorie si è visto che quando le persone causano una bandiera rossa, perdono tutti i loro giri in quella gara. Perdono tutti i loro giri in qualifica. Forse è una cosa su cui riflettere. Ma al momento non sembra che la FIA ci stia pensando. Quindi vedremo. Come ho detto, dobbiamo solo fare un buon giro".