F1 News

Wolff dopo il terzo posto in classifica: La delusione è stata maggiore l'anno scorso.

Wolff dopo il terzo posto in classifica: "La delusione è stata maggiore l'anno scorso".

25-11-2022 13:40 Ultimo aggiornamento: 15:13
0 Commenti

GPblog.com

È stato un anno disastroso per la Mercedes. Per anni, la scuderia tedesca è stata la forza dominante della Formula 1, ma dopo le modifiche alle regole, la Mercedes non è più stata competitiva. Tuttavia, nelle fasi finali della stagione, c'era la prospettiva di arrivare secondi nel campionato costruttori. Alla fine, la Ferrari è rimasta davanti alla Mercedes per un pelo.

Una vittoria e una pole. Per la Mercedes è tutto. La Red Bull Racing e la Ferrari sono state troppo forti per la squadra di Toto Wolff nella maggior parte delle gare. L'austriaco, quindi, non guarda alla stagione con soddisfazione, anche se è stato mentalmente peggiore il 2021. "La delusione è stata maggiore perché ci è stato tolto tutto in pochi secondi. Non avevamo più il controllo della situazione. Questa volta è colpa nostra. Altri hanno fatto meglio di noi con i nuovi regolamenti", ha detto il team principal a Auto, Motori e Sport.

Nuovi rivali

Wolff si aspetta di competere nuovamente per il titolo nella prossima stagione. Su quali altre squadre si contenderanno i trofei, Wolff non è sicuro. "Il tetto massimo dei costi avvicinerà il campo e ci darà avversari che oggi non sono i nostri avversari. Non credo che otto titoli di fila saranno di nuovo possibili. D'altra parte, abbiamo più tempo nella galleria del vento rispetto a Red Bull e Ferrari. Dobbiamo sfruttare questo vantaggio".

Wolff non teme che la Mercedes sia fuori dalla competizione per gli anni a venire, come è successo alla Red Bull e alla Ferrari in passato. Wolff non è preoccupato. Secondo il team principal, la situazione della Mercedes è stabile: l'anno prossimo ci saranno gli stessi piloti, lo stesso staff e gli stessi regolamenti. All'epoca, Ferrari e Red Bull avevano subito dei cambiamenti all'interno della squadra. Per esempio, la Ferrari aveva perso il suo pilota (Michael Schumacher) e il team di gestione.

Lettore video

Altri video