F1 News

Domenicali: Non è colpa nostra se non c'è il GP di Germania.

Domenicali: "Non è colpa nostra se non c'è il GP di Germania".

26-09-2022 16:57 Ultimo aggiornamento: 26-09-2022 16:57
0 Commenti

GPblog.com

Non c'è più un Gran Premio di Germania in calendario e non è previsto alcun weekend di GP in Germania nemmeno nel 2023. Secondo il capo della F1 Stefano Domenicali, ciò è dovuto principalmente alla mancanza di interesse da parte dei tedeschi stessi.

La Germania è la F1 e la F1 è la Germania

In effetti, lo stesso italiano vorrebbe che il Gran Premio di Germania tornasse in calendario. La Formula 1 sente un chiaro legame con il Paese e viceversa. Per esempio, alcuni dei più grandi campioni della storia della F1 sono tedeschi, basti pensare a Michael Schumacher e Sebastian Vettel, ma anche il team più egemone dell'ultimo decennio, la Mercedes, è una casa automobilistica tedesca. Con l'ingresso dei marchi del Gruppo Volkswagen, Audi e Porsche, l'impronta tedesca in Formula 1 non fa che crescere.

Il fatto che non ci sia più un GP di Germania non solo è un peccato, ma anche un fatto straordinario. Domenicali ha parlato a Spiegel del GP di Germania: "Se qualcuno vuole un GP di Germania, quello sono io. Ma non vedo nessun rappresentante in Germania che voglia sedersi con noi e fare una proposta costruttiva". Pertanto, secondo il boss della F1, la decisione è interamente nelle mani dei tedeschi stessi. Allo stesso tempo, la Formula 1, di proprietà di Liberty Media, si sta spostando dall'Europa continentale agli Stati Uniti e al Medio Oriente. Anche la Francia non sarà più in calendario l'anno prossimo.

Il trasferimento della F1 non facilita le cose per la Germania

In Medio Oriente sono state aggiunte le gare di Arabia Saudita e Qatar. Negli Stati Uniti, oltre al GP di Austin, sono in programma il GP di Miami e il GP di Las Vegas. Al contrario, il GP del Belgio ha mantenuto per poco un posto nel calendario e anche il GP di Monaco è stato oggetto di discussione. Domenicali è consapevole del cambiamento: "Sappiamo che il valore di una gara in Europa è diverso da quello di una gara in qualsiasi altra parte del mondo. Se vuoi avere un Picasso, devi spendere molti soldi".

Con questo commento, Domenicali vuole dire che il quadro finanziario in Germania non può essere completato. Mentre a Spa, Zandvoort e Spielberg le tribune sono sempre piene, in Germania non è stato così per molto tempo. Domenicali nota anche che i dati di ascolto indicano che l'interesse per questo sport è in calo in Germania. Tuttavia, l'italiano afferma: "Sono sicuro che esiste un modello di ricavi funzionante in un Gran Premio con una base di tifosi come quella tedesca. La mia porta è aperta per una possibile conversazione".

Lettore video

Altri video