F1 News

Wolff mantiene il realismo della Mercedes: Non siamo ancora in competizione per le vittorie.

Wolff mantiene il realismo della Mercedes: "Non siamo ancora in competizione per le vittorie".

4 agosto - 11:03 Ultimo aggiornamento: 13:23
0 Commenti

GPblog.com

Che George Russell ottenesse la prima pole position della sua carriera in F1 a Budapest non era previsto da molti fan. Sul tracciato ungherese, Red Bull Racing e Ferrari sembravano darsi battaglia e, dopo i problemi del team di Max Verstappen, tutto lasciava presagire che la Ferrari avrebbe occupato la prima fila della griglia con entrambi i piloti. Russell ha messo fine a questa situazione, ma non è chiaro se questo significhi che la Mercedes sia effettivamente veloce come i top team.

Secondo il team principal Toto Wolff si tratta di una speranza vana. Ad Autosport, l'austriaco ammette di non considerare la Mercedes alla stregua di Ferrari e Red Bull."A mio parere personale, non siamo ancora all'altezza dei primi. Avete visto che Leclerc con la gomma giusta è ancora una forza dominante. Ma almeno eravamo nella stessa gara".

Ancora nessuna vittoria per la Mercedes

All'inizio della stagione era diverso: in assenza di incidenti o di problemi ai top team, la Mercedes era condannata al quinto o sesto posto. Tuttavia, ci sono stati molti problemi ai concorrenti, che hanno lasciato la Mercedes a soli 30 punti dalla Ferrari. Tuttavia, Wolff si aspetta poco di speciale nella seconda parte della stagione.

"Non voglio dire che all'improvviso siamo entrati in gioco e possiamo vincere le gare, perché non credo che sia così", ha detto. Secondo Wolff, il distacco dalla Red Bull e dalla Ferrari è ormai troppo grande per pensare davvero alle vittorie in gara. La Mercedes, in ogni caso, continuerà a svilupparsi duramente per colmare il divario con le due squadre nel tentativo di conquistare il secondo posto nel campionato costruttori.

Lettore video

Altri video