Wolff: "Completamente irrilevante che Russell abbia fatto meglio di Hamilton".

F1 News

22 novembre A 10:35
Ultimo aggiornamento 22 novembre A 11:02
  • GPblog.com

Toto Wolff, capo del team Mercedes, ritiene del tutto irrilevante il fatto che George Russell quest'anno sia arrivato più in alto di Lewis Hamilton. Parlando con Formulapassion.it l'austriaco ha dichiarato di ritenere molto più importante che la squadra sia in grado di competere per la vittoria piuttosto che chi dei due piloti finisca la stagione in una posizione più alta.

Russell ha avuto un'ottima prima stagione alla Mercedes. Non solo è riuscito a vincere una gara per la prima volta - e l'unica gara vinta dalla Mercedes in questa stagione - ma è anche riuscito a battere il suo compagno di squadra Hamilton. Russell ha concluso il campionato al quarto posto, Hamilton al sesto. È piuttosto raro che Hamilton venga battuto da un compagno di squadra. È successo solo tre volte, l'ultima nel 2016 quando Hamilton aveva come compagno di squadra Nico Rosberg, campione del mondo proprio in quell'anno.

Secondo Wolff, per la squadra è del tutto irrilevante quale dei due piloti abbia fatto meglio in questa stagione. "Il fatto che George abbia battuto Lewis non ha importanza", ha detto il capo della squadra. "È molto più importante che non abbiano gareggiato per il titolo e che non abbiamo gareggiato per le vittorie, a parte il Brasile. Non credo sia importante per nessuno della squadra arrivare secondo, terzo, quarto o quinto".

"Non sono sicuro che competeremo di nuovo l'anno prossimo"

Nonostante la Mercedes non sia riuscita a competere per il titolo quest'anno, la seconda metà della stagione ha visto un netto miglioramento delle prestazioni della squadra. Wolff ha riconosciuto che la squadra non è stata abbastanza brava quest'anno, anche se nella sua analisi non ha resistito a lanciare una frecciatina al finale della stagione 2021.

"L'anno scorso è stato molto peggiore perché ci è stato tolto il titolo, ma quest'anno lo abbiamo perso meritatamente", ha detto Wolff. "Non siamo stati abbastanza bravi. Non sono affatto sicuro che saremo in grado di competere nuovamente per il campionato l'anno prossimo. Bisogna riconoscere che la concorrenza è forte, ma faremo tutto il possibile per fissare i nostri obiettivi e cercare di raggiungerli".