F1 News

Il calendario della F1 2023 fa un passo falso nel 'countdown to zero'

Il calendario della F1 2023 fa un passo falso nel 'countdown to zero'

23 settembre - 11:27 Ultimo aggiornamento: 15:07
0 Commenti

GPblog.com

Il calendario 2023 della F1 è stato annunciato e il programma del prossimo campionato, con un numero record di gare, si preannuncia ancora una volta caotico. Ci si chiede se questo calendario di gare sia compatibile con i piani della F1 di ridurre drasticamente le emissioni di CO2.

La F1 girerà il mondo nel 2023

La visualizzazione dell'itinerario della F1 del prossimo anno sulla pagina Instagram di GPBlog ha suscitato reazioni perplesse. Il caos visto sulla mappa del mondo ha sollevato domande legittime sul fatto che non ci sia un modo migliore per far viaggiare questo sport nel mondo. Per i fan della F1 è anche sorprendente vedere la Formula 1 che viaggia completamente intorno al continente africano. Ma la domanda principale da porsi è come la Formula 1 intenda combinare questo calendario con la Strategia di sostenibilità della F1. Questo piano porta il titolo di: Countdown to zero. L'obiettivo è quello di essere neutrali dal punto di vista delle emissioni di carbonio entro il 2030.

Per prima cosa mettiamo in prospettiva le distanze del prossimo anno. La mappa qui sotto mostra gli spostamenti della F1 e le immagini seguenti mostrano anche le distanze che la F1 percorrerà da un circuito all'altro (da pit lane a pit lane in linea d'aria). In totale, il prossimo anno questo sport percorrerà ben 133.735 chilometri, senza contare i viaggi di ritorno alla fabbrica o a casa. Il viaggio più lungo della F1 è quello da Las Vegas ad Abu Dhabi: 13.209 chilometri. La lunghezza di questo viaggio non è un'eccezione, poiché anche il viaggio dal Qatar agli Stati Uniti, che si svolge qualche settimana prima, supera i 13.000 chilometri. Per ben cinque volte la F1 compirà un viaggio di oltre 10.000 chilometri.

 
 
 
 
 
Dit bericht op Instagram bekijken
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Een bericht gedeeld door GPblog.com Nederland (@gpblog_nl)

La F1 imbarcherà un vero e proprio giro intorno al mondo. Anche a metà stagione, quando si svolgono le gare europee e le distanze sono molto più ridotte, la Formula 1 viaggia attraverso il continente in modo scomposto. Basti osservare le gare di Gran Bretagna, Ungheria e Belgio che si susseguono in quest'ordine. Solo quattro volte vengono percorsi meno di mille chilometri nel corso della stagione di F1 che si svolge in 24 gare. La distanza più breve è quella tra il GP del Belgio e il GP dei Paesi Bassi, ma dato che l'anno prossimo ci sarà la pausa estiva, è plausibile che i team porteranno molte attrezzature alla sede centrale prima di trasportarle nei Paesi Bassi.

La F1 può ottenere il massimo "guadagno di CO2" dal calendario

Il motivo della sorpresa per il calendario dei viaggi e la ragione per cui è necessario prestare attenzione a questo aspetto è che i viaggi della Formula 1 lasciano la maggiore impronta sulle emissioni di questo sport. Il rapporto di sostenibilità della F1 ha utilizzato i dati del 2018, una stagione di 21 gare. In quella stagione, ben il 45% delle 256.551 tonnellate di emissioni totali di CO2 proveniva dalla logistica della F1. Questa percentuale include solo le forniture necessarie ai team e alla Formula 1 per guidare/organizzare le gare e le strutture del paddock. La parte di viaggi di lavoro, giornalistici e ricreativi non è ancora stata inclusa. Anche questo gruppo rappresenta il 27,7% delle emissioni.

Sembra quindi che la riduzione delle distanze tra le gare sia il punto in cui si può guadagnare di più in termini di riduzione delle emissioni di CO2. Dopo tutto, il 72,7% delle emissioni totali della Formula 1 è legato alla sua natura itinerante. A questo proposito, dovrebbe essere chiaro che gli spostamenti sono intrinseci a questo sport, ma la Formula 1 potrebbe affrontarli in modo più intelligente. Sebbene lo sport sostenga apertamente la transizione verso carburanti più rinnovabili e motori elettrici sostenibili, la F1 non sembra aver intrapreso un percorso più sostenibile con l'annuncio del calendario 2023 rispetto all'itinerario della stagione in corso. Questo mentre le emissioni delle fonti di alimentazione delle auto di F1 hanno contribuito solo per lo 0,7% alle emissioni totali di CO2 della F1 nel 2018.

In vista degli obiettivi per il 2030, ci si aspettava che l'organizzazione della F1 proponesse un piano migliore. Con sette stagioni da disputare dopo il 2023, c'è una particolare necessità di vincere sulle emissioni di CO2 entro il 2030. È stato necessario che la F1 iniziasse a sperimentare il calendario l'anno scorso. Per ora, l'unico esperimento a cui abbiamo assistito è quello delle doppie gare: due gare organizzate in due fine settimana di fila sullo stesso circuito, come è successo in Austria. La ragione principale è da ricercarsi nelle restrizioni per il Covid in vigore in tutto il mondo. Nel 2022 non abbiamo più visto questa costruzione.

Il tempo sta per scadere: F1, sperimenta ora!

Va detto che la definizione di un calendario globale deve essere fatta con molta attenzione, perché tutte le variabili che potrebbero far sì che un evento non si svolga devono essere stimate correttamente. In uno scenario ipotetico in cui la Formula 1 sposterebbe qualsiasi Gran Premio dalla parte sinistra della mappa a quella destra durante l'anno (le distanze di viaggio più brevi), bisogna innanzitutto tenere conto delle temperature e della possibilità di correre in quei luoghi. Un inizio di stagione nel continente americano potrebbe causare problemi con il Gran Premio del Canada, in quanto potrebbe essere troppo freddo per una gara in primavera. Anche in Europa può essere troppo freddo o piovoso in primavera e in autunno. In Medio Oriente fa ancora troppo caldo in estate e in Asia bisogna tenere conto della stagione delle piogge.

La Formula 1 deve anche tenere conto dei fenomeni culturali e delle festività nazionali dei luoghi e dei paesi in cui si svolgeranno le gare; si pensi al mese del Ramadan, per esempio. Ci sono quindi numerosi aspetti che rendono praticamente impossibile per la Formula 1 scegliere semplicemente i percorsi più brevi nel corso della stagione. Infine, ma non meno importante, anche i contratti in essere con alcuni circuiti giocano un ruolo importante; come ad esempio il contratto con Abu Dhabi, in cui è stato concordato che il complesso di Yas Marina avrà il diritto di ospitare il finale di stagione nei prossimi anni.

Il calendario presentato per il 2023 è - per quanto difficile da definire - deludente. In uno sport tecnologicamente all'avanguardia come la Formula 1, ci dovrebbe essere abbastanza cervello e abilità per trovare almeno delle possibili soluzioni e sperimentarle. I doppi weekend di gara potrebbero essere reinseriti nel calendario. Un'altra idea interessante è quella di dividere la stagione di F1 in capitoli per continente. Ad esempio, anche il campionato di pallacanestro statunitense, l'NBA, regola gli spostamenti mettendo le squadre di città vicine tra loro in un unico campionato e facendole giocare l'una contro l'altra più spesso delle squadre lontane tra loro. Consentire che le gare in alcune parti del mondo si svolgano una dopo l'altra in un determinato periodo, quando si adattano bene al clima e alla struttura sociale, potrebbe rendere più efficiente il calendario dei viaggi in F1. In questo modo la stagione sarebbe potenzialmente più distribuita nell'arco dell'anno, ma con pause più lunghe per i team e i piloti.

Con il tempo che stringe, la Formula 1 dovrà davvero sperimentare finché Liberty Media vorrà avere così tanti Gran Premi in calendario. A meno che non prendano così sul serio il messaggio di essere neutrali dal punto di vista delle emissioni di CO2 entro il 2030, il cosiddetto Countdown to Zero.

Lettore video

Altri video