Red Bull Content Pool

General

Red Bull: Max lo rispettava, ma non era in soggezione.

Red Bull: "Max lo rispettava, ma non era in soggezione".

21-09-2022 14:31 Ultimo aggiornamento: 16:42
0 Commenti

GPblog.com

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno combattuto una battaglia accesa per la conquista del titolo mondiale nel 2021. A volte le cose si sono fatte piuttosto serie, sia in pista che fuori (anche se quest'ultimo aspetto è stato più che altro una questione tra Red Bull Racing e Mercedes). Christian Horner ripercorre la stagione in cui Verstappen ha vinto il suo primo campionato mondiale di Formula 1.

Quando Horner a Beyond the Grid alla domanda se l'anno scorso Max e Lewis si sono messi d'accordo, ha risposto: "Penso che mentalmente Lewis sia più forte, perché è un sette volte campione del mondo... ma ha tutto da perdere. Max è il ragazzo giovane che sta correndo dei rischi, che si sta impegnando al massimo e non ha nulla da perdere", ha aggiunto Horner. Lo stesso Verstappen ha pronunciato parole simili più volte nelle settimane precedenti e successive al suo primo titolo.

Verstappen eccelle

Verstappen ha fatto un'ottima impressione con la RB16B nella scorsa stagione. In 22 weekend di Gran Premio, è riuscito a tagliare il traguardo per primo dieci volte. Ha anche conquistato dieci pole position. Tuttavia, il pilota ventiquattrenne ha anche dovuto lottare duramente in gara per superare la Mercedes o, al contrario, difendere la posizione di testa. Horner ha visto un Verstappen che era la versione migliore di se stesso.

"Alcuni dei suoi sorpassi dell'anno scorso sono stati straordinari e si è sentito che questo ha iniziato a far innervosire Lewis. Quando Lewis si è qualificato in pole a Silverstone e Max ha vinto la gara sprint, si è visto che era un po' a pezzi. Se Max fosse riuscito a superare Copse, non credo che l'avrebbe più rivisto. Quindi c'era anche un'aria di disperazione. La posta in gioco è alta e le emozioni sono altissime", ha dichiarato il boss della Red Bull.

Rispetto per Hamilton

Le emozioni si sono fatte sentire, come già detto, ma questo non significa che i rivali non rispettino le prestazioni dell'altro. Horner lo sottolinea anche nel podcast. "Non si può non rispettare tutto ciò che Lewis ha fatto e raggiunto, è davvero notevole e forse non sarà mai superato. Ma tutti possono essere battuti prima o poi e Max lo rispettava, ma non era in soggezione. Non lo temeva, anzi, si divertiva ad affrontarlo e ad avere l'opportunità di gareggiare con lui ruota a ruota. Credeva di poterlo battere ed era proprio questa convinzione e fiducia in se stesso che abbiamo visto emergere in tante occasioni".

Lettore video

Altri video