F1 News

Perez ringrazia la Red Bull: Altrimenti non sarei in F1.

Perez ringrazia la Red Bull: "Altrimenti non sarei in F1".

7 agosto - 07:37 Ultimo aggiornamento: 07:50
0 Commenti

GPblog.com

Dopo un inizio molto forte per Sergio Perez, Max Verstappen ha messo a posto le cose alla Red Bull Racing nelle ultime gare. Dopo la vittoria del messicano a Monaco, sembrava che potesse rappresentare una seria sfida all'olandese in campionato. Tuttavia, il divario è aumentato nelle ultime gare e Perez è già terzo in classifica.

All'inizio dell'anno era chiaro che la RB18 si adattava molto meglio allo stile di guida di Perez rispetto a quello di Verstappen. Gli aggiornamenti hanno però cambiato le cose, come spiega il pilota messicano in una conversazione con Sport Bild."All'inizio della stagione avevo la velocità massima. Ora abbiamo sviluppato ulteriormente l'auto e non si adatta più al mio stile di guida al 100%".

Imparare a gestire gli aggiornamenti

Secondo Perez, ora deve adattarsi perché l'auto con tutti gli aggiornamenti si adatta allo stile di guida di Verstappen. Questo potrebbe essere il motivo dei risultati inferiori di Perez e delle recenti vittorie di Verstappen. "Devo abituarmi il più velocemente possibile e spero che andremo più nella direzione che avevamo all'inizio della stagione".

E poi Perez potrà attaccare di nuovo con la sua Red Bull, come si aspetta. Tuttavia, rimane motivato a ottenere buoni risultati. Dopo tutto, con la Red Bull potrà guidare per la prima volta in una squadra che vince il titolo costruttori."È proprio questo che mi motiva. Se non fossi in un'auto così importante, probabilmente non sarei più in questo sport", ha concluso Perez.

Lettore video

Altri video