Red Bull Content Pool

General

Marko rivela la reazione di Mateschitz alla proposta di accordo con Verstappen per il 2014

2 agosto A 14:52
Ultimo aggiornamento 2 agosto A 15:02

    Quando Max Verstappen aveva 16 anni, ricevette la conferma da Helmut Marko: avrebbe debuttato in Formula 1 un anno dopo nell'allora Toro Rosso. Non si trattava di una cosa qualsiasi e quindi il consigliere aveva bisogno del permesso di Dietrich Mateschitz, il proprietario della Red Bull morto nel 2022. Marko racconta la conversazione avuta con "Didi".

    La conversazione tra i due austriaci non fu molto lunga. "Qui abbiamo un sedicenne, per me è un talento che si presenta una volta ogni qualche decennio, mettiamolo in macchina", ha ricordato Marko a Sky. Mateschitz si fidava ciecamente di lui. "Sì, certo. Lo faremo".

    Secondo Marko, la conversazione durò meno di 10 minuti. I due sapevano leggere e scrivere insieme e quindi la recente morte di Mateschitz ha pesato molto anche sull'ottantenne uomo di punta. "Aveva un atteggiamento positivo, riusciva a pensare con cinque o dieci anni di anticipo. Era sempre incoraggiante, ma sapeva anche rimproverare. Non ti permetteva di commettere due volte lo stesso errore".

    Decine di milioni investiti

    Mateschitz è stato anche la forza principale (e il maggior finanziatore) dietro la Toro Rosso e l'AlphaTauri. Voleva dare ai giovani piloti di talento la possibilità di realizzare il loro sogno di guidare la Formula 1. Non è un caso che la Toro Rosso e l'AlphaTauri abbiano investito decine di milioni. Non è quindi una coincidenza che il futuro della scuderia gemella della Red Bull Racing sia stato brevemente incerto all'inizio della stagione dopo la morte di Mateschitz.

    "Didi sapeva che il motorsport era incredibilmente costoso. Siamo stati relativamente generosi nel sostenere i piloti nelle diverse classi. Improvvisamente abbiamo avuto due squadre di Formula 1. Le esigenze sono diventate diverse. I requisiti sono diventati diversi. Dovevano essere in grado di vincere almeno [in futuro] un Gran Premio. Le prestazioni erano il fattore decisivo", ha detto Marko, riassumendo l'approccio di Mateschitz (e il suo) ."Non compriamo stelle, ma le creiamo, in modo relativamente arrogante. E ha funzionato".