F1 News

Binotto: Alla Ferrari manca la mentalità vincente dell'era Schumacher.

Binotto: "Alla Ferrari manca la mentalità vincente dell'era Schumacher".

25-09-2022 20:20
0 Commenti

GPblog.com

Dopo un inizio di stagione di Formula 1 estremamente positivo, la Ferrari è stata ampiamente proclamata la grande favorita per il titolo mondiale, ma mentre la Red Bull Racing ha fatto continui progressi, la scuderia italiana è rimasta bloccata. Mattia Binotto è stato criticato per essersi rifiutato di intervenire duramente, ma nel frattempo anche lui deve fare i conti con il fatto che la sua squadra non si sta comportando in modo ottimale.

Parlando come ospite al Festival della Gazzetta de La Gazzetta dello Sport il team principal della Ferrari ha spiegato dove la sua squadra ha fallito e dove si possono fare progressi per il futuro. "Non basta più fare bene i compiti, per vincere bisogna continuare a progredire e migliorare", ha detto Binotto.

Binotto riconosce che la Ferrari deve fare passi in avanti

Aggiunge che la Ferrari è tornata forte dopo alcuni anni difficili e sottolinea che la squadra ha mantenuto la promessa di tornare competitiva. Lo ha fatto grazie alle ottime prestazioni della F1-75 e alla coppia di piloti altrettanto forte composta da Charles Leclerc e Carlos Sainz. Tuttavia, Binotto afferma che ci sono ancora dei passi da fare per garantire che la Ferrari possa essere competitiva in qualsiasi situazione.

Cosa manca alla Ferrari per tornare al top? "Quella mentalità vincente che c'era all'epoca Schumacher e che ti spingeva a fare meglio dopo ogni vittoria", ammette Binotto.

Il boss della squadra ripensa alla prima vittoria di Michael Schumacher con la Ferrari, che ha vissuto all'epoca in cui lavorava come ingegnere motorista presso la squadra di Maranello. "È stata anche la mia prima vittoria e quando ho sentito l'inno ho realizzato cosa significa essere Ferrari", ha detto Binotto.

Lettore video

Altri video