Renault Group

F1 News

L'Accademia alpina annuncia otto autisti 2023

Alpine Academy annuncia la più grande formazione di piloti junior di sempre per il 2023

14 febbraio A 14:06
Ultimo aggiornamento 14 febbraio A 15:32
  • GPblog.com

Giovedì Alpine sarà l'ultimo team di Formula 1 a presentare la sua nuova auto. Prima della presentazione, l'Alpine Academy ha annunciato la più grande formazione di piloti junior di sempre: otto piloti faranno parte del programma di formazione nel 2023.

Alpine annuncia otto giovani

Per il pilota di Formula 2 Jack Doohan, figlio della leggenda del motorsport Mick Doohan, si tratta del secondo anno nel programma di formazione Alpine. Alla fine del 2021, ha lasciato il Red Bull Junior Team per un posto all'Alpine Academy, cosa che il pilota definisce "la migliore mossa della sua carriera", viste le opportunità che gli sono state offerte da allora.

Anche Victor Martins rimane nel programma di formazione, di cui fa parte da diversi anni. Il campione di Formula 3 del 2022 passerà quest'anno alla F2, dove correrà ancora una volta per ART Grand Prix.

I nuovi nomi che diventeranno a tutti gli effetti junior di Alpine da questo momento in poi sono i debuttanti in Formula 3 Nikola Tsolov e Gabriele Mini. Lo stesso vale per Matheus Ferreira, che debutterà nella Formula 4 italiana con il Van Amersfoort Racing. Inoltre, il talento del karting Kean Nakamura si unisce all'Academy, così come il pilota della UAE F4 Aiden Neate. Con Abbi Pulling, l'Alpine Academy ha anche una donna pilota junior: gareggerà nella nuova F1 Academy nel 2023.

La pressione è subito massima

"La formazione dell'Alpine Academy 2023 è probabilmente la più competitiva di sempre", afferma il direttore Julian Rouse. "È stato fantastico ampliare il nostro roster a otto piloti e poter rappresentare Alpine in molte categorie. In Formula 2, abbiamo due piloti, Jack e Victor, che hanno il potenziale per lottare vicino ai primi posti".

E ha continuato: "Lo stesso vale per la Formula 3 con Nikola e Gabriele, che mi aspetto siano competitivi fin dall'inizio. Al di fuori delle categorie di supporto della Formula 1, non vediamo l'ora di vedere cosa riusciranno a fare Abbi, Matheus, Aiden e Kean nelle loro rispettive serie". Quindi la pressione è subito sui giovani talenti.