Red Bull Content Pool

F1 News

Horner spiega perché non appoggia Andretti: Si tratta solo di questo.

Horner spiega perché non appoggia Andretti: "Si tratta solo di questo".

25 gennaio - 19:49 Ultimo aggiornamento: 25 gennaio - 19:49
0 Commenti

GPblog.com

Sarà anche la pausa invernale della Formula 1, ma nel paddock stanno accadendo molte cose. Per esempio, attualmente ci sono divisioni sul possibile ingresso di Andretti Cadillac, cosa che la maggior parte dei team di F1 non vede di buon occhio. Christian Horner spiega il suo punto di vista.

Secondo Horner, non è che gli attuali team di F1 siano contrari all'ingresso di Andretti o di chiunque altro. Il team principal di Red Bull Racing sostiene che non è stato spiegato bene perché le cose sono più complicate di quanto si possa pensare. A suo dire, non si tratta solo di pagare 20 milioni di dollari per squadra, ma alla fine tutto si riduce al denaro.

Alla fine, si tratta di soldi

"Come per tutte queste cose, alla fine si riduce tutto a: 'Chi pagherà?'", ha dichiarato Horner in una conversazione con Racer.com. Il team principal della Red Bull sostiene che alla fine saranno i team a pagarne il prezzo, direttamente o indirettamente, e non si aspetta che ciò accada. Dopo tutto, i 200 milioni di dollari che un nuovo team deve pagare sono una tantum, ma il montepremi rimane lo stesso.

Andretti riceve il sostegno di McLaren e Alpine, ma questi team hanno le loro ragioni per farlo. Horner ha continuato: "Le due squadre che la sostengono (McLaren e Alpine) hanno una partnership con loro negli Stati Uniti o hanno intenzione di fornire loro un motore. Gli altri otto dicono: 'Beh, aspettate, perché dovremmo diluire la nostra parte del montepremi?

Una possibile soluzione sarebbe un aumento del montepremi, ma Liberty Media non è dello stesso avviso. Horner sostiene che i proprietari sono soddisfatti dell'andamento finanziario dello sport e ritiene che la soluzione migliore sia quella di rilevare o fondersi con un team esistente, come farà Audi con Sauber. L'introduzione di un nuovo team diluirebbe il valore delle attuali 10 squadre.

Horner spera in una soluzione

Horner spera tuttavia che si possa trovare una soluzione. "Come tutte le cose, tutto si riduce al denaro e credo che ci sia un punto di svolta", ha continuato. Se il montepremi delle squadre è sufficientemente compensato, la questione è quanto denaro sia necessario per farlo e se tale somma non diventi inaccessibile per i nuovi arrivati.

Il boss della Red Bull ritiene quindi che spetti alla F1 e alla FIA trovare una soluzione, ma anche tra queste due organizzazioni c'è divisione sull'argomento. Mentre la F1 sta adottando un approccio cauto, il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem ha accolto con enfasi l'interesse di Andretti e GM. "È necessario che tutte le parti abbiano una conversazione sensata e concordino qualcosa di pratico e fattibile", ha dichiarato Horner.

Lettore video

Altri video