F1 News

Lewis Hamilton riflette sulla traumatizzante vita scolastica

Lewis Hamilton riflette sulla "traumatizzante" vita scolastica

23 gennaio - 20:30 Ultimo aggiornamento: 21:10
0 Commenti

GPblog.com

Lewis Hamilton è un sette volte campione del mondo, conosciuto in tutto il mondo. Un'icona, a molti livelli. Ora è rispettato ovunque, ma in gioventù non era affatto così. Nel podcast di Jay Shetty, On Purpose, Hamilton ha parlato della sua infanzia e adolescenza.

Hamilton ha raccontato a Shetty che il periodo scolastico è stato il più traumatizzante e difficile della sua vita. Il pilota della Mercedes è stato vittima di bullismo già all'età di sei anni. Essendo uno degli unici tre bambini con la pelle scura, era sempre oggetto di scherno. "Ero sempre l'ultimo ad essere scelto, come quando si sta in fila al parco giochi quando si scelgono le squadre per il calcio, ero sempre l'ultimo ad essere scelto o addirittura a non essere scelto, anche se ero più bravo di qualcun altro".

Costantemente vittima di bullismo

Mentre era a scuola, Hamilton ha raccontato di essere stato "costantemente" vittima di bullismo. " E poi le continue offese, le cose che ti vengono lanciate addosso, le banane, le persone che usavano la N-word in modo così rilassato, le persone che ti chiamavano "mezza calzetta" e il fatto di non sapere quale fosse il tuo posto è stato difficile per me. Quando vai a lezione di storia e tutto ciò che impari nella storia, non ci sono persone di colore nella storia che ci insegnano. Quindi pensavo: "Dove sono le persone che mi assomigliano?"

All'età di 16 anni Hamilton ha scoperto di essere dislessico grazie a un insegnante che se ne è occupato. "Ho scoperto di essere dislessico solo all'età di 16 anni, ma fortunatamente mi sono imbattuto in un'insegnante premurosa che mi ha accompagnato lungo questa strada e mi ha aiutato a scoprire qualcosa in più su me stesso, su come migliorare me stesso attraverso l'istruzione", ha aggiunto Hamilton.

Lettore video

Altri video