F1 News

'La lotta per il titolo 2023 non è tra Verstappen e Leclerc, ma tra Newey e la Ferrari'.

'La lotta per il titolo 2023 non è tra Verstappen e Leclerc, ma tra Newey e la Ferrari'.

19 gennaio - 14:10
0 Commenti

GPblog.com

Per la prossima stagione si spera in una nuova lotta per il titolo tra Red Bull Racing e Ferrari. Anche la Mercedes è fiduciosa di poter tornare a lottare per il vertice nel 2023. Jean Alesi, tuttavia, pensa che la vera battaglia sarà tra la Ferrari e Adrian Newey.

Sebbene la prossima stagione non preveda grandi cambiamenti normativi come all'inizio del 2022, c'è ancora molto da aspettarsi. Frederic Vasseur ha assunto il ruolo di team principal alla Ferrari, la Red Bull Racing deve fare i conti con la penalità della galleria del vento dopo aver sforato il tetto del budget e alla Mercedes stanno lavorando duramente per risolvere i problemi della W13.

La Ferrari deve fare i conti con Newey

Parlando con l'italiana Autosprint, Alesi ha fatto una previsione per la nuova stagione. L'ex pilota di Formula 1 pensa che la lotta per il titolo non sarà tra Max Verstappen e Charles Leclerc, ma tra Newey e il team Ferrari. La Red Bull, ad esempio, è stata una delle poche scuderie del 2022 a non soffrire di porpoising grazie all'esperienza di Newey. Alesi si aspetta un altro capolavoro dall'ingegnere della Red Bull anche per la prossima stagione.

“Il vero fattore da considerare è Adrian Newey. Da quando la F1 ha annunciato l’introduzione di nuove regole e la libertà per gli ingegneri, Newey ha fatto la differenza. Per questo non credo che la vera battaglia sarà tra Verstappen e Leclerc, ma fondamentalmente tra Newey e la Ferrari. Se lui presenterà di nuovo un capolavoro, tutto sarà molto difficile anche quest’anno. Ma se la Red Bull di quest’anno avrà qualcosa di fallibile e fragile, le cose potrebbero cambiare".

Inoltre, Alesi si aspetta che la Mercedes torni più forte nel 2023 dopo una stagione deludente con una sola vittoria. "Non credo che Mercedes sbagli due volte quando progetta un’auto", conclude il francese.

Lettore video

Altri video